oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Liutvi_Mestan_002

Lyutvi Mestan

Il meccanismo di monitoraggio dovrebbe essere modificato, cioe' essere concentrato su determinati obiettivi e la valutazione dovrebbe avvenire tramite indicatori oggettivi. E' quanto ha dichiarato oggi il vice presidente del partito BSP Yanaki Stoilov per quanto riguarda le critiche, riportate nell' ultima relazione della Commissione europea, rivolte alla Bulgaria per la lotta contro la criminalita' e la corruzione.

Le dichiarazioni del partito DPS sono state ancora piu' estreme, affermando che l' esito negativo della relazione europea e' dovuto alla persistenza del meccanismo di monitoraggio. Il leader del partito Lyutvi Mestan ha sottolineato che non vi sono nuovi campi da criticare. Egli ha specificato che la fedina penale pulita di Delyan Peevski e' condizione autosufficiente per la nomina di determinate cariche.

Zinaida Zlatanova ha riferito che la maggior parte delle buone tendenze, delineate nella relazione, riguardano i mesi dell' attuale governo, mentre la maggior parte degli accertamenti negativi riguardano il periodo di governo di GERB. A sua volta GERB ha affermato esattamente il contrario.

La Bulgaria e la Romania sono gli unici due Paesi europei monitorati, ma nell' ultima relazione sulla Romania e' stato scritto che il Paese ha intrapreso una strada di riforme irreversibili.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

5E11C3FC-3745-412D-9CEF-B70E5CCF8AE9
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Mantenere la parola data è un valore democratico

News image

Mantenere la parola data è un principio morale elementare....

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo