oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.

Calorifero_003

Le bollette del riscaldamento a Sofia per il mese di dicembre 2013 sono state ridotte del 17% rispetto all' anno precedente. Lo mostrano i dati del Centro di gestione database della societa' Toplofikacia Sofia.

Facendo riferimento ai dati del Centro, nel mese di dicembre 2013 gli abbonati alla societa' hanno consumato 505 806 МWh che e' pari a quasi il 7% calore in meno rispetto allo stesso mese del 2012.

Uno dei motivi per avere bollette piu' basse e' il consumo ridotto per via dell' inverno mite. L' altro motivo e' la riduzione del prezzo dell' energia elettrica nel 2013 della media del 5%.

Secondo la societa' Toplofikacia Sofia il 74% degli abbonati alla compagnia riceveranno fatture per dicembre 2013 al valore di non oltre 150 lev.

Ricordiamo che all' inizio del 2013 le bollette inaspettatamente alte della luce hanno fatto uscire in protesta nel centro di Sofia decine di migliaia di persone, diventando la causa delle dimissioni del governo di Boyko Borissov.

In Bulgaria l' importo esatto che il cliente dovrebbe corrispondere per il consumo di calore diventa chiaro alla fine del periodo di riscaldamento dopo la lettura dei contatori nelle case. A quel punto si fa il ragguaglio e ai clienti che hanno consumato meno energia della quota prevista e quindi hanno pagato di piu' viene restituita la somma eccedente, mentre i clienti che hanno consumato di piu' devono corrispondere alla societa' l' importo dovuto.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

64785444_2340843206205415_4718368741157502976_o
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo