oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

La Procura ha avviato cinque cause di irregolarità' coinvolgendo tutta la catena

check_electrometers

Violazioni impressionanti nell' attivita' di CEZ, Commissione di regolamentazione dell' energetica e le risorse idriche (DKEVR), la Compagnia nazionale elettrica (NEK) ed il Ministero dell'economia e l'energetica (MIET) indicano i risultati dai controlli effettuati da parte della Procura in merito alla situazione nel settore energetico in Bulgaria. L' ispezione e' stata innescata dalle proteste contro le alte bollette di luce.

Sono state avviate cinque indagini preliminari, quattro delle quali nei confronti di autore sconosciuto e la quinta nei confronti dell'ex amministratore delegato di NEK Mihail Andonov.

Il regolatore statale energetico DKEVR e' stato accusato di non aver esercitato il controllo sugli investimenti delle societa' di distribuzione (come CEZ), di aver approvato loro elevati costi tecnologici, mentre la qualita' dell' energia fornita non e' stata controllata. Verra' cercata responsabilita' anche dai funzionari della Commissione di regolamentazione dell' energetica e le risorse idriche (DKEVR), che lo scorso autunno avevano imposto tasse "temporanee" di accesso alla rete energetica per i produttori di energia verde.

Verra' avviata causa contro funzionari della societa' NEK per negligenza volontaria e affari svantaggiosi a seguito degli accordi firmati con le centrali termiche Maritsa Iztok 1 e 3 in base ai quali NEC era tenuta ad acquistare il 100% dell' energia elettrica da loro prodotta a prezzi notevolmente elevati. Come risultato il prezzo dell' energia elettrica e' aumentato da 10 a 25%. Verra' avviata anche una causa nei confronti dello stesso Mihail Andonov per danni arrecati al valore di 190 mila BGN.

Sono state avviate indagini preliminari anche nei confronti di CEZ per aver trascurato la legge per gli appalti pubblici e per aver riassegnato incarichi a societa' connesse, portando in tal modo a spese artificialmente gonfiate.

La quinta causa e' per una cattiva gestione intenzionale da parte di funzionari del Ministero per dividendi non riscossi dello Stato in qualita' di azionista nella societa' CEZ al valore di quasi 200 milioni di lev. Entro la fine del 2012 la societa' ceca avrebbe accumulato un profitto di quasi 600 milioni BGN , che non sono stati distribuiti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

CC6EA3A0-6F31-43B6-85D7-C9B748DF0A30

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo