oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Vesselin_Georgiev_Batko

Il Tribunale di Sofia ed il Tribunale Regionale di Sliven, su richiesta della Commissione per la confisca dei beni criminali, hanno pignorato beni al valore di oltre 4 100 000 lev, proprieta' dell'ex capo dell'Agenzia stradale Vesselin Georgiev e di sua moglie, ha comunicato la Commissione.

I beni pignorati comprendono proprieta' immobili, azioni, obbligazioni, quote sociali e conti bancari. Gli immobili sono un appartamento di 107mq e garage nel quartiere residenziale di Sofia - Lozenets ed altri 108 immobili nel Comune di Nova Zagora, uno dei quali interamente di proprieta' di Nina Georgieva. Per quanto riguarda il resto degli immobili la sig.ra Georgieva ne possiede 1/2 o 1/3. Gran parte degli immobili sono campi, il resto sono invece vigneti e frutteti. Il Tribunale ha imposto il pignoramento anche su azioni, obbligazioni e quote sociali per un totale di quasi 300 000 lev, proprieta'dei due coniugi.

Vesselin Georgiev e' stato accusato, che nella qualita' di Direttore del fondo "Infrastruttura stradale della Repubblica" (attualmente denominata Agenzia "Infrastruttura stradale") per il periodo da ottobre 2006 a novembre 2007 ha violato la Legge per gli appalti pubblici, permettendo a societa' vicine ai suoi fratelli di vincere i concorsi.

A causa della speculazione, che ha avuto il nome di "Batko i Bratko" (scherz. Fratello maggiore e fratello), la Commissione europea ha tagliato i fondi destinati alla Bulgaria per quanto riguarda alcuni progetti europei.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo