oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Non sarà valida per le costruzioni illecite nei bacini delle dighe

new.property002

Alcune modifiche nella Legge per l'Organizzazione del Territorio (ZUT) prevedono che gli edifici costruiti illegalmente prima del 2001 che non dispongono dei necessari permessi ma sono conformi alle pianificazioni urbane e alle normative tecniche possano essere legalizzate. Lo ha dichiarato il ministro delle costruzioni Lilyana Pavlova.

Il condono non sarà valido per gli edifici illegali nei territori o nelle zone protette, nei quali da sempre è vietato ogni tipo di costruzioni, quali sono per esempio i territori intorno alle dighe.

La proposta per la legalizzazione delle costruzioni illecite è stata avanzata dal presidente della commissione parlamentare per lo sviluppo regionale Lyuben Tatarski, ex sindaco di Bansko, e sostenuta dalla Camera dei Costruttori in Bulgaria. Sono già pronti i testi con i quali verrà prolungato il periodo di tolleranza verso gli edifici illeciti dall'anno di costruzione 1987 all'anno 2001. Le modifiche dovranno essere votate nel parlamento ad ottobre.

I sostenitori di questa idea all'unanimità dichiarano che in questo modo non solo i proprietari degli edifici illegali potranno prendere fiato, ma nella tesoreria entreranno non pochi soldi dalla sanzione per la legalizzazione e in seguito dalle tasse per i beni.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

CBBA1DFA-84AE-43B8-9A7F-04842E8C54C4
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Mantenere la parola data è un valore democratico

News image

Mantenere la parola data è un principio morale elementare....

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo