oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

GSF_start_Plovdiv_Burgas_004

Il direttore della società italiana Generali Costruzioni Ferroviarie (GCF), che ha vinto la gara per la ricostruzione della linea ferroviaria Plovdiv-Burgas, Edoardo Rossi, non vede il rischio di poter condividere la sorte del fallito progetto ferroviario dell’altra impresa italiana Astaldi. Questo è quanto ha detto in una breve intervista a Sofia Oggi il giorno dell’inaugurazione dei lavori:

Signor Rossi, tenendo conto dell'amara esperienza di Astaldi per la costruzione della linea ferroviaria Plovdiv-Svilengrad, in cui la Bulgaria ha perso circa 70 milioni di euro del programma ISPA, come avete avuto il coraggio di presentarvi ad una simile gara?

- Iniziamo bene (ridendo). Onestamente, non è ciò che è successo ad Astaldi che ci preoccupa perché non abbiamo niente a che fare con questa società. Abbiamo osservato attentamente l’evolversi del progetto, ma le situazioni del nostro e del loro caso sono molto diverse. Nel loro caso vi era una richiesta di costruzione di un nuovo tratto ferroviario e ciò non è legato all’espropriazione di terreni e così via. Noi siamo una società molto più piccola di loro, ma siamo strettamente specializzati proprio nella ristrutturazione di tali progetti.

Come avete scelto le società con cui entrare in consorzio?

- Ci ha messo in contatto un'altra azienda italiana, che è il nostro subfornitore per la segnaletica nello stesso progetto. Loro già conoscevano Trace e SK-13. Ce le hanno consigliate e abbiamo concordato. Inoltre è bene per tutti che le imprese del consorzio siano solo di due paesi. Non che questo sarebbe stato un problema, ma certamente sarebbe stato più difficile se le aziende provenissero da Turchia e Grecia per esempio.

Qual è il vostro impegno nel consorzio? Come investitori o piuttosto nella fase operativa?

- Operativa. Siamo imprenditori per il 60% del progetto, le aziende bulgare hanno rispettivamente il 20%.

Come si spiega allora il prezzo basso con il quale avete vinto la gara? Il direttore del NKZI (National railway infrastructure company) ha identificato come uno dei motivi principali la vicinanza delle cave della Trace e, rispettivamente, i minori costi di trasporto ...

- Il fatto che le cave della Trace siano vicine a Stara Zagora è solo uno degli elementi. Noi attuiamo tali progetti in tutta Europa e abbiamo tutti i macchinari che siamo in grado di trasportare in Bulgaria. Voglio dire che l’abbattimento dei costi deriva dall’acquisto o dal noleggio di tali macchinari. Inoltre, il principale fornitore di rotaie è anche una società italiana, con la quale lavoriamo da anni e che ci ha anche offerto prezzi molto concorrenziali. Tutto questo, insieme a diversi fattori minori ci ha permesso di proporre un prezzo favorevole.

Il supervisore del progetto è anche una società italiana. Avete qualche coinvolgimento in essa e siete a conoscenza delle accuse riguardo la costruzione della autostrada Trakia?

- Assolutamente no. La scelta di una società italiana è totalmente casuale. Vito Prato si è candidato ed ha vinto. Riguardo a loro sappiamo essere ingegneri di buon livello che hanno esperienza in progetti ferroviari in Italia meridionale e che hanno partner locali in Bulgaria. Il fatto che la società sia italiana ci può facilitare nella comunicazione tra di noi, ma niente di più. Tutti i nostri materiali sono certificati, il sistema di controllo è chiaro e io non ho nessuna preoccupazione.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

1CA50D71-A98E-46A6-8BF1-8DDE6ACAC492
Foto del giorno Bulgaria (Burgas)

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

L’impatto delle sanzioni all’Iran nel sub-continente indiano

News image

Le sanzioni americane verso l’Iran stanno suscitando le pr...

Dal mondo