oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Le esplosioni negli impianti nucleari giapponesi hanno generato riunioni di emergenza per l'uso sicuro dell'energia nucleare in tutto il mondo. Nel corso della riunione dei ministri dell'energia il
Commissario UE per l'energia Oettinger ha insistito che le misure di sicurezza per il progetto di Belene vengano riviste. E così, due settimane prima del termine della conclusione dei negoziati sul prezzo finale di Belene, specificato nella nota del novembre 2010, il governo bulgaro ha ricevuto un aiuto inaspettato dall’esterno.

Il progetto molto controverso in termini economici, aveva cominciato sul serio a inceppare i rapporti politici tra Sofia e Mosca, che non si è smossa dalle proprie pretese finanziarie. Si sono sollevati anche i sospetti che Lukoil abbia intenzionalmente aumentato i prezzi del carburante per pressare il governo bulgaro a firmare per la centrale.

Non sono chiari esattamente quali debbano essere le ulteriori garanzie per il progetto, richieste dal ministro Traykov, ma Rosatom ha spiegato che la tecnologia e i reattori scelti sono i "migliori del mondo". Se questo non dovesse essere sufficiente, tuttavia, si potrebbe costruire una diga contro uno tsunami del Danubio, si sono beffeggiati i russi.

Con il suo tipico sangue freddo, Traykov ha risposto che avrebbe fatto costruire tutto quello richiesto, nell’eventualità che lo si volesse. A parte il fatto che ancora non vi sia accordo sul prezzo della centrale, la tecnologia russa non è ancora stata certificata dall’agenzia nucleare bulgara e nessun investitore europeo assicurerebbe l'indipendenza energetica della Bulgaria a fronte del progetto con la Russia del South Stream, Burgas-Alexandroupolis e Neftochim Lukoil.

Nonostante i ritardi per Belene, il Governo non ha molto tempo per riflettere. Il progetto della strategia energetica nazionale fino al 2020 è in ritardo di quasi un anno, e i bisogni di energia del paese crescono. Secondo il premier Borisov senza la nuova elettricità nucleare il costo dell’energia da noi aumenterà 18 volte, ma ancora nessuno risponde alla domanda perché lo stato è di impedimento a coloro che investono nelle fonti di energia più economiche e rispettose dell'ambiente, come le moderne centrali idroelettriche.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

1CA50D71-A98E-46A6-8BF1-8DDE6ACAC492
Foto del giorno Bulgaria (Burgas)

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

L’impatto delle sanzioni all’Iran nel sub-continente indiano

News image

Le sanzioni americane verso l’Iran stanno suscitando le pr...

Dal mondo