oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Il gasdotto Nord Stream 2 e la Cina sono stati alcuni dei temi principali dell’incontro avvenuto ieri sera alla Casa Bianca fra il presidente statunitense, Joe Biden, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel. Alla sua ultima visita alla guida del governo federale della Germania, Merkel ha mostrato di apprezzare l’affetto espressole da Biden nelle battute iniziali del colloquio. Biden ha accolto la cancelliera alla Casa Bianca definendola “una grande amica personale e una grande amica degli Stati Uniti“. Il capo dello Stato Usa ha evidenziato “le forti relazioni” Usa e Germania e la “duratura amicizia” tra i due Paesi. Germania e Stati Uniti “non sono solo alleati e partner, ma anche nazioni amiche”, con “valori comuni” e “la volontà di superare le sfide del nostro tempo”, ha affermato la cancelliera nel corso della conferenza stampa. “Sono profondamente convinta che riconoscersi nei valori comuni non è sufficiente per affrontare nuove sfide in un’epoca decisiva, ma è necessario fare politica”. Merkel si è quindi detta “molto grata” perché, nella dichiarazione di Washington che ha firmato con Biden, Germania e Stati Uniti, affermano non soltanto i loro “elementi comuni”, ma anche “progetti futuri”. In particolare, la cancelliera ha manifestato soddisfazione per il Forum per il futuro Germania-Stati Uniti, in cui i due Paesi con le rispettive società “discuteranno di tali questioni e troveranno soluzioni”

Andando al concreto è evidente come fra i due Paesi restino delle divergenze evidenti su alcuni importanti dossier internazionali. Nonostante l’amministrazione presidenziale statunitense abbia allentato la pressione sul Nord Stream 2, data anche la consapevolezza che è oramai troppo tardi per impedire il completamento dell’infrastruttura energetica, Biden ha voluto tuttavia rinnovare le sue preoccupazioni alla cancelliera tedesca sul gasdotto. Entrambi, peraltro, hanno affermato di concordare sul fatto che alla Russia non deve essere consentito di usare l’energia come un’arma. Gli Stati Uniti hanno a lungo sostenuto che il progetto Nord Stream 2 minaccerà la sicurezza energetica europea aumentando la dipendenza del continente dal gas russo e consentendo alla Russia di esercitare pressioni politiche sulle nazioni vulnerabili dell’Europa orientale e centrale, in particolare l’Ucraina. Ma Biden ha recentemente rinunciato alle sanzioni contro le società tedesche coinvolte nel progetto, una mossa che ha fatto storcere il naso a molti esponenti del Partito repubblicano. Merkel, dal canto suo, ha cercato di minimizzare le differenze e di sottolineare che il gasdotto è un’opzione aggiuntiva e non sostitutiva rispetto alle rotte energetiche che transitano attraverso l’Ucraina. “Vogliamo che l’Ucraina rimanga un Paese di transito per il gas naturale, e che, proprio come qualsiasi altro Paese al mondo, abbia diritto alla sua sovranità territoriale”, ha detto Merkel. La cancelliera ha aggiunto che la Germania è pronta a reagire qualora “la Russia dovesse non rispettare i diritti dell’Ucraina come Paese di transito”.

La posizione tedesca sulla Cina è stata un altro dei temi di confronto fra i due Paesi, anche se Biden non è mai intervenuto sul tema durante la conferenza stampa finale. La Germania ha forti legami commerciali con la Cina, ma è stata anche critica nei confronti dei diritti umani di Pechino. Merkel intende evitare uno scenario in cui la Germania, o l’Unione europea, potrebbero essere costrette a schierarsi tra Cina e Stati Uniti e ha quindi insistito sulla necessità di cooperare con la Cina su questioni globali come il cambiamento climatico e la pandemia di coronavirus. Tuttavia, la cancelliera tedesca ha sottolineato il desiderio che la Germania e l’Unione europea coordinino la loro politica nei confronti della Cina con Washington, anche su questioni come i diritti dei lavoratori, il commercio e la sicurezza informatica. “Credo che le fondamenta dei nostri rapporti con la Cina dovrebbero essere basate sui valori comuni” degli Stati Uniti e della Germania, ha affermato. Germania e Stati Uniti faranno sentire la loro voce “ovunque i diritti umani non vengono garantiti”, ha detto Merkel, secondo cui i due Paesi sostengono, infatti, “le società libere e democratiche e coloro che vi vivono”.

fonte novanews

Още по темата

Няма свързани статии


Снимка на деня

Rila

Rila

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

Pensioni, Landini: “E’ il momento di fare una riforma vera”

News image

“E’ il momento di fare una riforma vera, non aggiustam...

Dall'Italia

Read more

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

Non solo “fake news”: perché Bulgaria e Romania hanno così pochi vaccinati

News image

Ci sono due Paesi nell’Unione europea che, pur avendo ...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia