oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)
4E0B051F-5C8A-4ACF-8807-2C8EAE366E30

L'operazione militare in Siria deve cessare perché il rischio di una crisi umanitaria è molto elevato, ed è solo la diplomazia che può risolvere il conflitto, ha detto il primo ministro Boiko Borissov il 15 ottobre dopo aver informato il presidente Roumen Radev sull'esito di un consiglio di sicurezza del gabinetto  incontro sulla situazione in Siria.

 

 La riunione del consiglio di sicurezza è stata convocata in un peggioramento della crisi nel nord della Siria a seguito dell'operazione militare della Turchia contro i combattenti curdi iniziata la scorsa settimana.

 

 Borissov e il ministro degli Esteri Ekaterina Zaharieva hanno incontrato Radev immediatamente dopo la riunione del Consiglio di sicurezza per informarlo sul lavoro svolto dai servizi di sicurezza e di intelligence della Bulgaria, dal Ministero degli Esteri, dal Ministero degli Interni e dalla polizia di frontiera alla luce della situazione in Siria.

 

 "Siamo fermamente convinti che l'operazione militare debba terminare", ha affermato Borissov, aggiungendo che il rischio di una crisi umanitaria è molto elevato.

 

 “E se si verifica una crisi umanitaria, ciò significa un aumento dell'ondata migratoria - questi sono processi correlati.  Insistiamo quindi affinché le ostilità vengano fermate ed è solo la diplomazia che può risolvere questo conflitto ", ha affermato Borissov.

 

 Il Primo Ministro ha affermato che c'erano "zero" migranti al confine con la Turchia e la Turchia e mentre vi era una maggiore pressione migratoria dalla Grecia "abbiamo preso ulteriori misure lì e anche la sua calma".

 

 Ha detto che è stato condotto un esercizio di addestramento che coinvolge la polizia di frontiera, il ministero degli interni, le forze armate e speciali.

 

 "Abbiamo scambi commerciali per oltre 5 miliardi di dollari con la Turchia e loro sono i nostri vicini, quindi siamo fortemente contrari al proseguimento dell'operazione perché è in crisi umanitaria".

 

 Borissov ha affermato che le sanzioni contro la Russia, con le quali la Bulgaria ha molto meno scambi commerciali rispetto alla Turchia, sono costate alla Bulgaria più della metà di un miliardo di leva.

 

 "Quindi spero che la diplomazia e gli sforzi congiunti di tutti lavorino, e non dovremmo dimenticare che la Turchia è un membro della NATO e potrebbe voler invocare l'articolo 5. Ciò renderebbe le cose molto interessanti", ha detto.

 

 L'articolo 5 è la disposizione di difesa collettiva della NATO che considera un attacco a un membro dell'alleanza come un attacco a tutti.

 

 “Voglio mantenere l'accordo con la Turchia e i miei colleghi, quando parlano, per sapere che abbiamo un confine marittimo e terrestre.

 

 "Se 50 o 100 o 200.000 migranti entrano in Bulgaria, non so affatto cosa accadrà con il paese, e mentre la Turchia è conforme al 100% all'accordo con la Bulgaria e funziona perfettamente, lo devo alla nostra sicurezza  per sostenere questa posizione ", ha detto Borissov.

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

Интервюта и коментари

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Prof. Neumivaykin e il suo sistema di autoguarigione

News image

Il team russo ha visitato il leggendario dottore e guarito...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Il nemico, come crearlo

News image

L’anticristo, l’uomo più pericoloso del mondo. Un vecchio ...

Dal mondo