oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

8C854714-A1C4-45C5-BC7E-665A07DD1D8D

Il Plovdiv Jazz Fest 2019, un momento clou del calendario della città bulgara come capitale europea della cultura, si apre il 31 ottobre e continua fino al 2 novembre.

 

 Il jazz fa parte delle tradizioni e della cultura di Plovdiv da decenni, ha affermato la Fondazione Plovdiv 2019.

 

 Plovdiv Jazz Fest è il successore di una tradizione di 10 anni: ha preso il posto del festival Plovdiv Jazz Evenings e ogni novembre accoglie alcuni dei più influenti artisti jazz del mondo.

 

 Una serie di eventi frequentati - masterclass, jam session e mostre, tra le altre caratteristiche - completerà il programma principale quest'anno.  È stato istituito un premio per la "carriera nel jazz" e ci sarà un concorso per giovani jazzisti.

 

 Quest'anno, il programma principale del festival prevede sei concerti in tre serate.  Un programma parallelo comprende concerti di club, jam session, una mostra, un focus letterario e una competizione giovanile.  Un numero limitato di grandi pass dà accesso all'intero programma, compresi i concerti ospitati da club.

 

 Plovdiv Jazz Fest è organizzato dalla cantante Miroslava Katsarova e dalla sua compagnia Blue M.

 

 Il programma include:

 

 31 ottobre alle 20:00, Casa della Cultura Boris Hristov: Maria João e Mário Laginha.

 

 Maria João è conosciuta per la sua flessibilità vocale e le sue abilità improvvisative.  Sebbene considerata una cantante jazz, incorpora musica folk, avanguardia ed elettronica.

 Il suo principale partner musicale è il pianista portoghese Mário Laginha.  Ha anche lavorato con Aki Takase, Bobby McFerrin, David Linx, Dino Saluzzi, Gilberto Gil, Joe Zawinul, Kai Eckhardt, Lenine, Manu Katche, Ralph Towner, Trilok Gurtu, Wolfgang Muthspiel e OGRE.  Maria João ha partecipato ai più prestigiosi festival europei e mondiali di jazz.

 

 31 ottobre alle 21.30, Boris Hristov House of Culture: Linda May Han Oh.

 

 Nato in Malesia, cresciuto a Perth, nell'Australia occidentale, Linda May Han Oh ha iniziato a suonare il piano, il fagotto e a 15 anni si dilettava con il basso elettrico suonando jazz nelle scuole superiori mentre suonava molti Red Hot Chili Peppers.  Linda ha studiato alla W.A Academy of Performing Arts (WAAPA) dove si è laureata con il massimo dei voti.  Linda ha ricevuto numerosi premi come il premio ASCAP Young Jazz Composer nel 2008, il secondo posto al Concorso Bass 2010 e una menzione d'onore al Concorso Thelonious Monk Bass 2009.  Linda ha anche ricevuto il Bell Award 2010 per il giovane artista australiano dell'anno ed è stato il sondaggio di Downbeat Critic del 2012 "Rising Star" al basso.

 

 1 novembre alle 20:00, Casa della Cultura Boris Hristov: Kurt Rosenwinkel Trio.

 

 L'influenza concettuale della musica di Kurt Rosenwinkel può essere prontamente osservata su scala globale.  Che si tratti di sale da concerto, jazz club nel seminterrato durante le jam session, le sale prove del conservatorio o le onde radio delle stazioni radio, la voce distintiva di Rosenwinkel come compositore e chitarrista ha avuto un innegabile impatto sulla musica nel 21 ° secolo.

 

 1 novembre alle 21.30, Boris Hristov House of Culture: John Scofield e Jon Cleary.

 

 Il lavoro di chitarra di John Scofield ha influenzato il jazz dalla fine degli anni '70 e sta andando forte oggi.  Possessore di un suono molto distinto e di una diversità stilistica, Scofield è un magistrale improvvisatore jazz la cui musica generalmente cade da qualche parte tra il jazz post-bop, funk e R & B. L'amore e l'affinità di Jon Cleary per la musica di New Orleans risale al rurale britannico  villaggio di Cranbrook, nel Kent, dove è cresciuto in una famiglia di musicisti.  Oggi, il lavoro di Cleary rende evidente omaggio al classico repertorio di tastiere di Crescent City creato da icone come Jelly Roll Morton, Fats Domino, Professor Longhair, Art Neville, Dr. John e James Booker - mentre lo utilizza anche come trampolino di lancio per un  stile che incorpora altre diverse influenze come soul e R&B degli anni '70, musica gospel, funk, ritmi afro-caraibici e afro-cubani e molto altro ancora.

 

 2 novembre alle 20:00, Casa della Cultura Boris Hristov: Tributo a Rumen Toskov-Rupeto.

 

 La serata di chiusura del festival è dedicata al jazz bulgaro.

 Inizia con un concerto prodotto da Plovdiv Jazz Fest e progettato in omaggio al grande pianista e compositore Rumen Toskov-Rupeto - uno dei musicisti più famosi e amati del jazz bulgaro.  Tra gli artisti figurano il pianista Antoni Donchev, il bassista e contrabbassista Vesselin Vesselinov-Eko, la tromba Rosen Zahariev, il violista Valentin Gerov e altri.

 

 2 novembre alle 21.30, Boris Hristov House of Culture: Quartetto di Peter Slavov.

 

 Peter Slavov è un bassista, compositore, musicista di sessione, arrangiatore ed educatore con sede a New York, nominato ai Grammy.  Da quando ha iniziato a esibirsi professionalmente a metà degli anni '90, Peter si è esibito in alcuni dei più prestigiosi locali e festival in oltre 40 paesi in cinque continenti.

 

 Per i dettagli sui biglietti, visitare il sito Web Plovdiv Jazz Fest.

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo