oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

C78B54AA-2741-4218-B93F-99826F4575F7

Un politologo bulgaro ha raccontato a Sputnik delle ragioni che hanno portato la Bulgaria ad acquistare i caccia USA F-61 nonostante le controversie e dello schieramento del paese sull’arena internazionale.

Stanislav Bachev, esperto bulgaro nel campo delle relazioni internazionali

In Bulgaria è stato ratificato l’accordo sull’acquisto dei caccia americani F-16, accompagnato da numerose polemiche da parte dell’opposizione del paese. Le discussioni sono legate alle caratteristiche dei caccia, che sono stati definiti prima dei “costosissimi aspirapolveri” e poi delle "Lamborghini pazze". L’opposizione, inoltre, ritiene che i fondi impiegati nell’acquisto potessero essere utilizzati diversamente e che il governo dovrebbe pensare prima ad elevare il tenore di vita della popolazione. C'è anche chi teme che questo sia il primo passo verso il dispiegamento di armi nucleari nel paese. A fine luglio il presidente bulgaro Rumen Radev aveva posto il veto sulla ratificazione degli accordi per l’acquisto dei caccia americani F-16 e dei relativi armamenti e attrezzature, ma al secondo turno del votol’acquisto è stato approvato.

In questo contesto una domanda sorge spontanea: a cosa è legato l’acquisto dei caccia americani, quali sono le vere ragioni? Sputnik ne ha parlato con Stanislav Bachev, esperto bulgaro nel campo delle relazioni internazionali.

- I sostenitori dell’acquisto degli F-16 segnalano che in questo modo la Bulgaria conferma la propria fedeltà all’Alleanza (NATO, ndr). Da cosa, secondo Lei, è stata dettata la scelta dell’aereo?

- Un diffuso modo di dire recita: chi ha fatto della propria arma un aratro, ora lavora per chi si è tenuto l’arma. Nel campo della sicurezza e della difesa da tempo la Bulgaria non ha le possibilità che aveva 30 anni fa. Nessuno dei reparti dell’esercito è a livello tale da garantire la sicurezza del paese. Quando avevi più di 20 MiG-29 funzionanti e altrettanti Su-25 e ora otto F-16 non ancora prodotti te li mostrano come un regalo in carta dorata, si tratta del culmine dei tentativi di ingannare la società.

Diventa chiaro che lo scopo dell’acquisto non è garantire la sicurezza nazionale, ma realizzare un accordo politico per sponsorizzare il sistema dell’industria militare di un altro paese.

- Secondo il deputato bulgaro Vladimir Toshev la Bulgaria deve pagare subito gli aerei in quanto “gli USA vogliono che la Bulgaria dimostri di essere un partner affidabile”. Perché, secondo Lei, la parte bulgara non è riuscita a mettersi d’accordo per pagare gli F-16 a rate?

- Quando un paese rinuncia a migliorare la sfera sociale e allo stesso tempo prende un nuovo debito interno per comprare qualche aereo che bisogna pagare in anticipo, questo dimostra l’assenza dell’istinto che permetta di sostenere gli interessi della nazione, oltre a una tendenza ad obbedire. (…)

La forza di uno stato, anche piccolo, si misura in primo luogo con la capacità di resistere sotto pressione. Più precisamente, con la capacità della classe politica di resistere sotto pressione.

- In un’intervista a Bloomerg TV Bulgaria ha dichiarato “Noi abbiamo detto che la Bulgaria era un satellite dell’Unione Sovietica, ma ora svolgiamo il ruolo di satellite (…) di Washington, e anche a livello militare”. Secondo Lei, come deve costruire la sua strategia di difesa la Bulgaria?

- L’amicizia non si dimostra e non si mantiene puntando un’arma alla testa. Quando sul territorio dell’Unione Europea si trovano più di 50 000 soldati americani, ma sul territorio degli Stati Uniti non c’è neanche un’unità europea, è il caso di riflettere sulla questione della compromissione della sicurezza europea, e anche della sincerità dell’amicizia offertaci.

- Nella stessa intervista Lei ha ricordato che nella situazione del Nord Stream 2 la Germania sente un’interferenza. Ci si può aspettare che qualcuno cerchi di interferire e fare pressione sulla Bulgaria e gli altri partecipanti del Turkish Stream nella fase finale della realizzazione del progetto?

- La pressione esterna, che è stata esercitata anche qualche anno fa per far interrompere i progetti energetici con la partecipazione della Russia, dimostra la presenza di un modello comune: violare i rapporti strategici tra l’UE e la Russia. I rapporti economici ed energetici tra UE e Russia possono essere definiti con la parola “indipendenza”, che si può raggiungere attraverso la dipendenza reciproca. Unendo questi fenomeni i rapporti stabili tra questi due soggetti possono generare energia che tocca gli interessi degli USA.

Per questo vediamo che in Europa le situazioni conflittuali e i focolai di tensione negli ultimi anni sorgono proprio nello spazio post-sovietico. (…) Lo scopo dei conflitti consiste nel fatto che lascino delle ferite aperte che causino dolore sia all’Oriente che all’Occidente.

Fonte: sputniknews 

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Mantenere la parola data è un valore democratico

News image

Mantenere la parola data è un principio morale elementare....

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo