oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

B69D40A1-BBB2-4D75-8283-8CB214AD221D

Il presidente bulgaro Roumen Radev ha dichiarato il 5 agosto di aver posto il veto agli emendamenti alla legge sull'intelligence militare, che avrebbe consentito ai civili di essere nominati come capo del servizio.

 

 Radev ha affermato di non essere d'accordo con il disegno di legge: "Questo non corrisponde al posto che il servizio di intelligence militare occupa una parte inseparabile delle forze armate bulgare".

 

 "Il responsabile del servizio dovrebbe disporre delle competenze necessarie, in particolare conoscenze specifiche ed esperienza professionale, al fine di realizzare i suoi obiettivi principali, che non è solo garantire la sicurezza , ma l'intelligence necessaria per la difesa del paese e la sicurezza nazionale da  attacchi stranieri, rischi e minacce ", ha detto nei suoi motivi di veto.

 

 Gli emendamenti "creano il rischio di violare i principi di gestione e controllo centralizzati dell'attività di intelligence e poca neutralità politica", ha affermato Radev.

 

 Radev ha ricordato che la Bulgaria aveva precedentemente consentito ai civili di dirigere l'intelligence militare, ma ha modificato la legge nel 2015 per imporre che il posto fosse ricoperto da un ufficiale di rango superiore la cui commissione fosse attiva.  Un veto imposto dall'allora presidente Rossen Plevneliev fu annullato dai parlamentari.

 

 “A quel tempo, l'Assemblea nazionale sostenne decisamente l'esigenza che il capo dell'intelligence militare facesse parte dell'esercito attivo.  Tale regola è in linea con il luogo e l'importanza che il servizio ha per le forze armate bulgare, motivo per cui non posso essere d'accordo con il ritiro effettuato dal disegno di legge ", ha affermato.

 

 Questa è la diciannovesima volta in cui Radev ha esercitato il suo potere di veto da quando è entrato in carica nel gennaio 2017, con il Parlamento che ha annullato il veto in tutti i casi tranne uno, quando la disposizione in questione è stata ritirata.  In diverse occasioni, Radev ha seguito una sfida della Corte costituzionale.

 

 La costituzione della Bulgaria conferisce al capo dello Stato un potere di veto limitato, consentendo al Presidente di restituire la legislazione all'Assemblea nazionale per ulteriori discussioni.  L'Assemblea Nazionale può ribaltare il veto del Presidente con un semplice voto di maggioranza.

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

Интервюта и коментари

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'