oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

D59FA580-A2D8-4992-A721-FD4A5B0A6F0B

Il primo ministro della Macedonia settentrionale Zoran Zaev ha annunciato che prenderà provvedimenti e invierà un messaggio alla Bulgaria.  La ragione - le parole del primo ministro bulgaro Boyko Borisov che durante un suo discorso, ha definito il presidente della Repubblica di Macedonia settentrionale Stevo Pandarovski un "politico macedone del nord".  Ciò è accaduto subito dopo che il primo ministro Boyko Borisov ha avuto una disputa parziale con il ministro degli Esteri serbo Ivica Dacic in Kosovo durante una riunione del processo di cooperazione di Sarajevo.

 

 "Il presidente nord macedone è stato il primo politico macedone del nord a dire che ci potrebbe essere una giusta soluzione - Gotse Delchev è un bulgaro che è andato a combattere per la libertà della Bulgaria", ha detto Borisov.

 

 Giorni dopo, tuttavia, queste sue parole hanno causato reazioni  dalla Macedonia settentrionale.  Il collega di Borisov, Zoran Zaev, ha annunciato che avrebbe inviato un appunto.  La ragione - secondo l'accordo di Prespa, lo stato si chiama Macedonia settentrionale, ma i macedoni vi vivono.  Secondo l'eurodeputato IMRO Angel Djambazki, questo comportamento è espressione dell'intera politica dei nostri vicini.

 

 "Alcuni dei governi di Skopje stanno cercando di intrattenere buone relazioni con la Bulgaria e allo stesso tempo usano le relazioni fraterne del governo e della società bulgara per ottenere riconoscimenti nella NATO e nell'Unione europea", ha detto l'eurodeputato.  "Guarda il signor Zaev - a Sofia è un bulgaro, a Bruxelles è il primo di tutti gli europei e a Skopje nega tutto questo", ha sottolineato Dzhambazki.

 

 Velizar Enchev, ex ambasciatore in Croazia e docente di problemi balcanici, è fermamente convinto che la Bulgaria debba fare un tentativo di riconciliazione con la Macedonia.

 

 

 "Se dipendesse da me, avrei un rapporto più distaccato con la Macedonia del Nord perché la Bulgaria è un membro dell'UE e della NATO, e loro dipendono dalla nostra parola per la loro appartenenza sia all'UE che alla NATO", ha detto Enchev.

 

 Sia Djambazki che Enchev sono certi che il primo ministro non abbia errato con la sua dichiarazione sul presidente macedone.

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo