oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

2_6_5_1299265_mariusolteanu_445595

La Bulgaria è pronta a lanciare un incentivo finanziario per attirare produzioni cinematografica e televisiva internazionale ad alto budget nel paese dell'Europa sud-orientale. La notizia è stata annunciata a Sofia Meetings (13-17 marzo) della settimana scorsa, il più grande evento annuale dell'industria cinematografica bulgara che si svolge nell'ambito del Sofia International Film Festival (Mach 7-17).

"La Bulgaria è praticamente l'unico paese in Europa che non ha ancora un incentivo, ma alla fine del 2018 il governo ha dichiarato di essere disposto a farlo e molto velocemente", ha dichiarato Jana Karaivanova, direttore esecutivo del Bulgarian National Film Center ( BNFC) alle riunioni di Sofia. "Abbiamo equipaggi ben addestrati che sono tra i più professionali della regione".

Karaivanova ha detto che un gruppo di lavoro inizierà a lavorare questa settimana con rappresentanti dei quattro principali ministeri del governo bulgaro e una sezione trasversale dei professionisti dell'industria cinematografica per preparare un concetto per un incentivo alla produzione.

L'incentivo in denaro verrebbe probabilmente gestito dal BNFC, che controlla anche gli investimenti statali di 7 milioni di euro annuali nel settore produttivo locale. Karaivanova ha rivelato che il Centro Cinematografico aveva ricevuto un ulteriore milione di euro dal Ministero delle Finanze all'inizio dell'anno.

"Ho deciso di investire questo extra denaro in produzioni a basso budget e co-produzioni minoritarie perché per me il nome del gioco è coprodotto con il resto dei paesi in Europa e all'estero", ha spiegato.

L'iniezione di denaro arriva sul retro di quello che Karaivanova ha descritto come "un anno frenetico" quando il finanziamento della produzione ai produttori bulgari da parte del Film Center è stato sospeso alla fine del 2017 in quanto i suoi regimi di aiuti non erano conformi ai termini e alle condizioni dei regolamenti della Commissione europea .

"Alla fine del 2018 abbiamo approvato la legislazione e abbiamo portato a termine le turbolenze", ha affermato Karaivanova. "C'è stato un bel regalo di Natale di € 2,5 milioni che sono stati forniti ai produttori in modo che potessero iniziare a lavorare sui loro progetti nel 2019 per i quali avevano già soddisfatto i criteri culturali e finanziari".

Il lancio in attesa di nuovi incentivi è stato accolto con favore dall'industria locale.

"È estremamente importante introdurre un incentivo fattibile e ben preparato il prima possibile perché il finanziamento [pubblico] disponibile dalla Bulgaria per un film locale è limitato", ha affermato il produttore Ivan Doykov di Dare Films.

Doykov ha prodotto due dei più grandi successi locali della Bulgaria: la storica epica di Victor Bojinov Heights and Mission London. "Sono interessato a sviluppare progetti con potenziale internazionale fuori dalla Bulgaria", ha affermato.

L'Olteanu della Romania vince il Grand Prix del festival

Il nuovo incentivo è stato uno dei punti di discussione del mercato della coproduzione di Sofia Meetings e del Sofia International Film Festival, che si sono conclusi domenica nella capitale bulgara (17 marzo).

Il film d'esordio del regista rumeno Marius Olteanu, Monsters, è stato nominato il miglior film della competizione internazionale e presentato con il Grand Prix del Cinema di Sofia dalla giuria internazionale presieduta dal produttore britannico Nik Powell e dai registi Ewa Podgórska e Ilian Metev.

Monsters, presentato in anteprima al Forum della Berlinale e venduto da Alpha Violet, parla di una coppia in crisi. Olteanu, che si è laureato nel NFTS nel Regno Unito nel 2008, ha detto che Monsters è "un film sulle connessioni, la compassione e i compromessi che facciamo nel nostro desiderio di stare con qualcuno".

Il premio speciale della giuria è andato a The Pig di Dragomir Sholev, che ha anche vinto il premio Fipresci e il miglior film bulgaro.

Il miglior premio per il regista è andato alla tedesca Nora Fingscheidt per System Crasher.

La giuria del documentario internazionale ha assegnato il premio principale al film della regista bulgara Tonislav Hristov The Magic Life of V e ha fatto una menzione speciale a Of Fathers And Sons, nominata agli Oscar da Talal Derki.

Altri premi presentati includono il miglior film dei Balcani per Her Job del regista greco Nicos Labot; il Premio della giuria giovanile a Teheran di Ali Jaberansari: City Of Love; e il premio del pubblico va al regista bulgaro Lachezar Avramov per A Picture With Yuki.

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo