oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

photo_verybig_150234

Gli stipendi in Bulgaria stanno crescendo molto velocemente, con un incremento dell'8-10% all'anno. Tuttavia, rimangono bassi rispetto ad altri paesi dell'UE. Questo è il commento del principale economista della UniCredit Bank, Lubomir Mitov, che ha presentato  giovedì l'analisi della banca Bulgara al mondo. I dati NSI mostrano anche che i costi del lavoro in Bulgaria sono in crescita - nel primo e nel secondo trimestre del 2017 gli incrementi sono del 10% rispetto all'anno precedente, riferisce Sega.

Anche se la maggior parte dei bulgari sono molto scettici per quanto riguarda la raccolta dei redditi, i fatti dimostrano che la remunerazione in Bulgaria non è "distorta" ma proporzionale alla dimensione dell'economia. La quota dei salari netti (dopo deduzione delle imposte e dei contributi previdenziali) dal prodotto interno lordo è addirittura superiore alla media UE, secondo l'analisi di Unicredit. Siamo simili a Svezia e Finlandia e siamo davanti alla Gran Bretagna e alla Francia, ha detto Lyubomir Mitov. La spiegazione è che nei paesi occidentali le imposte sul reddito sono elevate e "mangiano" gran parte dei salari.

Le statistiche di Eurostat mostrano anche che i redditi dei Bulgari sono i più bassi nell'UE, ma che i salari nel nostro paese stanno crescendo più rapidamente negli ultimi 20 anni. Ultimamente, tuttavia, il problema è che i salari crescono ad un tasso più elevato della produttività.

Il settore delle costruzioni può ancora una volta diventare una locomotiva per lo sviluppo - ha sperimentato il crollo più grande della crisi economica nel 2009, ma allo stesso tempo ha grandi potenzialità, ha spiegato l'economista. Grazie ai fondi dell'UE, il settore è già in crescita, che dovrebbe continuare anche l'anno prossimo. Ciò significa che le imprese di costruzione apriranno nuovi posti di lavoro e la concorrenza per il personale porterà ad aumenti salariali.

Nell'ultimo anno, le esportazioni sono un motore importante per la nostra economia ", ma come percentuale del PIL non è così forte come altri paesi dell'Est Europa", ha detto Mitov. Per la Bulgaria nel 2016, le esportazioni pro capite della Bulgaria ammontavano a 4209 euro, mentre in Ungheria erano 10.577 euro e nella Repubblica ceca superano 13.300 euro.

"Il motivo è che le nostre esportazioni sono ancora in gran parte costituite da beni con basso valore aggiunto", ha spiegato l'esperto.

Fonte:novinite.com

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

Интервюта и коментари

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'