oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Събития

musical-notes-by-e1339495914314-604x272

                                                     Fonte foto: Robert Proksa/sxc.hu

La serie annuale di spettacoli Opera in the Park di Sofia Opera and Ballet si tiene nel parco dell'accademia militare GS Rakovski a Sofia dal 15 al 30 giugno 2018.Il programma:

15 giugno, ore 20:00: Lakme di Leo Delibes.

16 giugno, ore 11: The Three Piggies, un'opera per bambini di Alexander Raychev.

16 giugno, ore 20:00: Cenerentola di Gioachino Rossini.

17 giugno, ore 11:00: Winnie the Pooh, un'opera per bambini di Andrey Drenikov.

17 giugno, ore 20:00: L'elisir d'amore di Gaetano Donizetti.

22, 23 giugno,ore 8:00 : La Dame aux Camélias di Sergey Onsov (esibizione di balletto su temi di La Traviata di Verdi).

23, 24, 28 giugno, ore 11 : Una storia con anatre, un orso e una volpe, un'opera per bambini di Georgi Kostov.

24 e 30 giugno, ore 20 : Giselle di Adolphe Adam.

29 giugno, ore 20:00: Zorba il greco di Mikis Theodorakis.

30 giugno, ore 11: Apollo et Hyacinthus, un'opera per bambini basata su W.A. Mozart.

Per i dettagli sui biglietti, si prega di visitare il sito web di Sofia Opera and Ballet.

Nikolay-Diulgheroff-crop-604x272

 

Una mostra dal titolo "'Futurismo italiano e arte moderna in Bulgaria. L'esempio di Nikolay Diulgheroff "si apre al Museo dell'Arte Contemporanea di Sofia Arsenal il 3 aprile e prosegue fino al 3 maggio 2018.

 

Il futurismo italiano in Bulgaria, innescato dall'interesse e dall'entusiasmo tra le due guerre mondiali, è intrecciato con altri fenomeni artistici, ha detto la galleria.

 

"La mostra propone diverse pratiche artistiche che sono rilevanti per il futurismo in Italia. Riproduzioni di opere d'arte, fotografie e documenti rivelano collegamenti bulgari con le reti d'avanguardia, dove il futurismo occupa un posto importante. "

 

Diulgheroff era un artista, designer e architetto bulgaro attivo in Italia come rappresentante di spicco del futurismo italiano tra le due guerre.

 

È nato a Kyustendil. Nel 1920 e 1921, ha studiato presso l'Università di Arti Applicate di Vienna, in Austria. L'anno seguente studiò a Dresda, in Germania, e nel 1923 si iscrisse al Bauhaus originale a Weimar, dove era vicino all'espressionista svizzero Johannes Itten. Mentre era studente in Germania, Diulgheroff espose la sua arte a Berlino e Dresda. Nel 1924, tenne una mostra a Sofia.

 

Nel 1926, Diulgheroff si stabilì a Torino, in Italia, per studiare architettura all'Accademia Albertina, diplomandosi nel 1932. Portando con sé una cultura tipicamente centro-europea costruttivista, fu presentato a molti degli eminenti futuristi italiani, come Fillia, e adottò quello stile.

 

Diulgheroff creò le sue opere più notevoli negli anni '20 e '30. Alcune delle sue opere sono esposte nella Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Contribuì ai pasti futuristi formulati in Filippo Tommaso Marinetti e nel Manifesto di cucina futurista di Fillia del 1930: il piatto pollofiat era la sua idea e co-progettò l'interno della Taverna Santopalato, la prima struttura per la cucina futurista

 

Ha creato poster per Cinzano e Amaro Cora e pubblicità per Campari. Diulgheroff fece parte di importanti mostre futuriste negli anni '20 e '30, come quelle di Torino, Lipsia, Parigi, Firenze, Barcellona, ​​Mantova e Venezia.

 

Diulgheroff morì a Torino, città dove trascorse 56 anni, nel 1982. Diulgheroff rimase attivo come artista quasi fino alla morte. È cittadino onorario di Torino, e lo storico dell'arte Enrico Crispolti lo considera il più grande di tutti gli artisti tra le due guerre, secondo la voce di Wikipedia su Diulgheroff.

 

La galleria è in Cherni Vruh Boulevard a Sofia.

Fonte:SofiaGlobe.com

sev

Nata in Iran e residente in Olanda, l'artista trentenne ha una carriera da professionista di basket, un cortometraggio e un album d'esordio con 16 tracce emozionanti alle spalle.
Il 10 febbraio, la cantante magnetica entrerà sul palco nella Sala del DNA come il prossimo punto del grande tour Wanderess in Europa. La star iraniano-olandese SEVDALIZA è una cantante, cantautrice, regista e compositrice. Lascia Teheran all'età di 5 anni, e alle 16 attraversa la soglia della musica. Grazie alla disciplina sportiva, raggiunge le vette dell'arte e crea musica che difficilmente può essere descritta. Mescola stili come il trio-hop, il punk, il neo-soul, l'alternativa R & B e la sporcizia, ma non manca di aggiungere altri generi per esprimere la sua identità.
Oltre alla musica, fa anche un'ottima impressione sulle esperienze visive che mostra nelle sue clip. "La musica non è solo musica, è una visione, mi piace creare immagini ipnotiche, ognuno con il proprio peso", afferma SEVDALIZA. I suoi testi sono quasi sempre influenzati da grandi scrittori e contengono una grande quantità di ragionamento filosofico, con argomenti come la diversità sessuale e la percezione delle emozioni. Sevdaliza gioca con una simulazione di identità e fantasie difficilmente distinguibili dalla realtà. Attraverso la sua creatività forgia un mondo in cui tutto è possibile. Il suo primo mini-album The Suspended Kid è stato rilasciato a gennaio 2015 ed è diventato un debutto riconosciuto a livello internazionale. Poco dopo, fu pubblicato Children of Silk. Nel frattempo, la sua musica suona in tutti i tipi di podi di moda, così come nel cortometraggio Formula, in cui interpreta il ruolo principale.
Nell'aprile di quest'anno SEVDALIZA ha pubblicato il suo album di debutto ISON, che ha ricevuto elogi da quasi tutti i media del mondo ed è stato seguito da un tour sold-out in Europa e negli Stati Uniti. Gli effetti visivi sui video degli album impressionano ancora e la clip della canzone Marilyn Monroe è inclusa nella classifica annuale della rivista FACT. Questa non è la prima volta che il trentenne riceve il riconoscimento per il suo video perché tre anni prima, il suo video di Sirens of the Caspian è stato incluso tra i 10 migliori video del 2014.
I biglietti per il concerto di SEVDALIZA saranno pubblicati il ​​20 dicembre nelle reti di Eventim.bg ed epaygo.bg ad un prezzo di BGN 30.

eurovision_logo

La Bulgaria sarà rappresentata dal gruppo appositamente creato "Equinox" nell'Eurovision Song Contest di quest'anno.

 

La canzone selezionata dalla giuria si chiama Bones, e gli interpreti sono Zhana Bergendorf, Vladimir Mihaylov, George Simeonov-Jay, Johnny Manuel e Trey Campbell. Compositore della canzone è Borislav Milanov.

 

La 63a edizione del forum includerà rappresentanti di 42 paesi, uniti dal motto All Aboard!

 

Il gruppo bulgaro sarà sul palco durante la prima semifinale l'8 maggio a Lisbona. Il voto per la canzone bulgara sarà possibile per il pubblico e le giurie di 21 paesi (Austria, Azerbaigian, Albania, Armenia, Bielorussia, Belgio, Regno Unito, Grecia, Estonia, Israele, Irlanda, Islanda, Spagna, Croazia, Repubblica Ceca, Svizzera ).

logo-web-it-2

Dopo il successo della decima edizione della Festa del Cinema bulgaro a Roma che ha festeggiato il suo decennale con una non stop di cinema e cultura lo scorso maggio, per la prima volta la rassegna approda a Milano: dal 26 al 28 settembre, infatti, porterà all'Anteo Palazzo il proprio focus su una cinematografia, quella bulgara, straordinariamente affascinante per ricerca dei linguaggi. L'evento si inserirà nella programmazione del mese d'apertura di un Anteo Palazzo del Cinema completamente rinnovato.

In apertura, in presenza del regista Dimitar Kotsev-Shosho, verrà proiettata la sua attesissima opera seconda, Scimmia, con la quale il regista si è aggiudicato il premio del pubblico al Sofia International Film Festival nel 2016. Il film racconta la storia delle due sorelle Eva e Maya e del loro viaggio attraverso l'adolescenza. Quando il loro mondo cambia per sempre, le due sorelle dovranno rispondere a domande che gli adulti non hanno nemmeno il coraggio di pronunciare. A seguire Regole, il secondo cortometraggio del giovane regista bulgaro, che da anni vive e lavora a Milano, Yassen Genadiev che vede il ritorno sul grande schermo di una delle star indiscusse della cinematografia bulgara Stefan Danailov. Il film offre uno sguardo emozionante sulla vita solitaria di un uomo: in venti minuti di silenziosa osservazione della quotidianità il film racconta la perdita del senso della vita del suo protagonista e la sua inattesa riscoperta nel sorriso di un estraneo.

La rassegna prosegue con alcune delle pellicole che il pubblico del Festival, nel corso degli scorsi 10 anni, ha più amato. In presenza dell'attore e cantante Orlin Pavlov, il 27 settembre verrà proiettata la commedia Living Legends: la storia di un giovane banchiere che ha tutto quello che si può sognare, ma rimane ferito in un incidente e perde i sensi per poi svegliarsi senza ricordarsi nulla dopo i suoi 18 anni. Decide così di tornare nella città dove è nato per incontrare i suoi ex-amici del liceo poiché sono le persone che, vista la ritrovata e "forzata" giovinezza mentale, sente più vicine. Pieno di un entusiasmo e di motivazioni che non coincidono più con la sua età anagrafica, il protagonista si rende presto conto di essere circondato da persone tristi e scontente delle proprie esistenze. Decide così di realizzare i sogni di ognuno di loro, sperando che i suoi amici ritrovino la propria strada.

In programma anche Il pubblico ministero, la difesa, il padre e il figlio di Iglika Trifonova. Tratto da una storia vera, questo avvincente dramma giudiziario racconta lo scontro di due ambiziosi avvocati (Romane Bohringer e Samuel Fröler) durante il processo all'Aia presso il Tribunale penale internazionale per i crimini commessi nell'ex Jugoslavia. Nel corso del processo diventa chiaro che la ricerca della verità e la ricerca della giustizia non sono sempre la stessa cosa.

Lo scottante tema dei migranti viene rivisto da una prospettiva diversa nel film di Stefan Komandarev Il giudizio, che vede protagonisti Asen Blatechky insieme al serbo Miki Manojlović (Underground e Gatto Nero Gatto bianco di Kusturica o Il macellaio di Grimaldi).

Fra cinema e documentario, sarà dato spazio anche all'arte contemporanea. In programma, infatti, il documentario Un ponte verso Christo della giornalista Evgenia Atanasova dedicato ad uno dei più interessanti eventi del 2016: il Ponte Galleggiante sul lago d'Iseo, opera dell'artista bulgaro Christo.

In avvicinamento al festival, l'Istituto Bulgaro di Cultura e I Wonder Pictures organizzeranno il tour nelle principali città di presentazione della nuova opera degli autori-rivelazione Kristina Grozeva e Petar Valchanov, salutati dalla critica come i nuovi fratelli Dardenne: Glory - Non c'è tempo per gli onesti, ispirato a una vicenda realmente avvenuta, racconta con stile raffinato e con ritmo avvincente la parabola di un umile ferroviere che si troverà a pagare caro un gesto di onestà.

Magnifiche e indimenticabili le interpretazioni dei due attori protagonisti: Stefan Denolyubov nei panni di un uomo qualunque schiacciato negli ingranaggi di un sistema che umilia i più deboli; e la brillante Margita Gosheva che interpreta Julia, cinica e implacabile capo PR del Ministero dei Trasporti, che in quello stesso sistema è perfettamente integrata.

Al tour parteciperanno Margita Gosheva e, solo per la data di Milano presso Anteo Palazzo del Cinema,, il regista Petar Valchanov. Il film sarà distribuito nelle sale italiane da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection a partire dal 21 settembre.

La festa del cinema bulgaro è organizzata dall'Istituto bulgaro di cultura a Roma in collaborazione con il Centro linguistico e culturale Qui Bulgaria e il Laboratorio di Alta Formazione OffiCine, sotto il patrocinio del Consolato Generale della Repubblica di Bulgaria a Milano, grazie al sostegno del Ministero della Cultura della Repubblica Bulgara e del Centro Nazionale di Cinematografia bulgaro.

PROGRAMMA

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Tutti i film verranno proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano.

SCIMMIA (2017)

Martedì, 26 settembre ore 19:00

Al confine tra l'infanzia e l'età adulta, quando la vita è una serie di decisioni semplici, il mondo delle sorellastre Iva e Maya sta per cambiare drasticamente. Dovranno trovare risposte alle domande che i grandi non hanno nemmeno il coraggio di fare. Riusciranno le due adolescenti prendere decisioni di vita e di morte?

Paese: Bulgaria Durata: 93' Regista: Dimitar Kotzev - Shosho Sceneggiatura: Dimitar Kotzev - Shosho, Ivan Markov Fotografia: Alexander Stanishev Colonna sonora: Victor Stoyanov Con: Alexandra Kostova, Youlian Vergov, Ana Papadopolou, Radina Borshosh, Leonid Yovchev, Radena Valkanova, Valentin Ganev Produttori: Nayo Titzin, Dimitar Kotzev - Shosho Production: SPOTLIGHT LTD.REGOLE (2017) / SHORT

Martedì, 26 settembre ore 21:00

Mikhail è il meticoloso amministratore di condominio di un palazzo in una città sul Mar Nero. Un giorno, la sua vita monotona viene scossa dalla nuova vicina sul piano, la giovane ed estroversa Evelina. Lei soffia con leggerezza la polvere che "soffoca" l'esistenza dell'uomo e lo costringe ad affrontare i fantasmi del passato e le paure del presente.

Paese: Bulgaria Durata: 20' Regista/Sceneggiatura: Yassen Genadiev Fotografia: Vesselin Hristov Con: Stefan Danailov, Evelin Kostova, Maria Statulova, Darin Angelov Produttori: Gergana StankovaLIVING LEGENDS (2014)

Mercoledì, 27 settembre ore 19:00

Tutto inizia, e al contempo tutto va storto, con un incidente. Un giovane banchiere, che ha tutto quello che si può sognare, rimane ferito in un incidente e perde i sensi per poi svegliarsi senza ricordarsi nulla dopo i suoi 18 anni. Decide così di tornare nella città dove è nato per incontrare i suoi ex-amici del liceo poiché sono le persone che, vista la ritrovata e "forzata" giovinezza mentale, sente più vicine. Pieno di un entusiasmo e di motivazioni che non coincidono più con la sua età anagrafica, il protagonista si rende presto conto di essere circondato da persone tristi e scontenti dalle proprie esistenze. Decide così di realizzare i sogni di ognuno di loro, sperando che i suoi amici ritrovino la propria strada.

Paese: Bulgaria Durata: 100' Regia/ Sceneggiatura: Niki Iliev Fotografia: Grigor Kumitski Colonna Sonora: Borislav Boyadzhiev Con: Orlin Pavlov, Niki Iliev, Sanya Borisova, Yana Marinova, Michele Placido e altri.IL GIUDIZIO (2014)

Mercoledì, 27 settembre ore 21:00

Mitju Petrov vive con suo figlio Vasko nei pressi dei confini con la Turchia. Rimane disoccupato in seguito al fallimento del caseificio in cui lavorava. Non è in grado di estinguere i mutui che ha con la banca. Ha bisogno di chiedere aiuto al Capitano, il comandante del posto di frontiera che lavorava anche da trafficante di rifugiati al confine. Il compito di Mitju è di incontrare i rifugiati nel territorio turco e accompagnarli oltre il confine, dopodiché, con l'aiuto di una cisterna per il latte che guidava ai tempi del caseificio, trasportarli fuori dalla zona di confine. Nel viaggio, passando vicino alla località "Il Tribunale", si ricorda del crimine che aveva commesso nel 1988. In seguito, su ordine del Capitano fucila un ragazzo e una ragazza della Germania dell'Est nel loro tentativo di fuggire in Turchia.

Paese: Bulgaria Durata: 107' Regia: Stefan Komandarev Sceneggiatura: Ivaylo Christoff Fotografia: Emil Christoff Colonna Sonora: Kiril Dontchev Con: Asen Blatechki, Ovanes Torosjan, Miki Manojlovich, Ina Nikolova e altri

IL PUBBLICO MINISTERO LA DIFESA IL PADRE E SUO FIGLIO (2015)

Giovedì, 28 settembre ore 19:00

L'Aia, Tribunale Penale internazionale per l'ex Jugoslavia. Due ambiziosi avvocati si affrontano nel processo a Milorad Krstic, accusato di aver commesso crimini di guerra nella guerra in Bosnia. Nel corso del processo diventa evidente che il perseguimento della verità e la ricerca della giustizia non sono sempre la stessa cosa. Questo dramma legale sobrio si basa su una storia vera - il processo contro Miroslav Deronjić, che è stato infine condannato a dieci anni di carcere per aver ordinato il massacro di 64 civili nel villaggio bosniaco di GlogovaPaese: Bulgaria/Olanda/Svezia Durata: 102' Regia/ Sceneggiatura: Iglika Triffonova Fotografia: Rali Ralchev B.A.C. Colonna Sonora: Theodosii Spassov Con: Romane Bohringer, Samuel Fröler, Izudin Bajrović, Ovanes Torosyan, Nermina Lukać, Krassimir Dokov, Igor Skvarica, Labina Mitevska, Frank Lammers, Sanne Vogel, Krijn Ter Braak, Mirja Turestedt

UN PONTE VERSO CHRISTO (2016) / DOC.

Giovedì, 28 settembre ore 21:00

Il racconto di Evgenia Atanasova-Teneva sull'opera "Il ponte galleggiante" di Christo e Jeanne-Claude allestita sul Lago d'Iseo è in prima persona in quanto la giornalista è stata una dei centinaia di volontari che ne hanno reso possibile la costruzione. Il documentario permette agli spettatori di scoprire più da vicino la personalità e pensiero dell'artista nato in Bulgaria con il nome Hristo Yavashev. Vengono svelati importanti particolari di retroscena della manifestazione culturale più importante europea del 2016 - dall'autore del design ai principali protagonisti di questo immenso progetto, dalla straordinaria logistica al rapporto con la regione i suoi abitanti e le esperienze dei 1.200 000 visitatori dell'opera.

Paese: Bulgaria Durata: 35' Di: Evgenia Atanasova Regia: Lyubomir Perchev Fotografia: Nedyalko Danov


Fonte: Comunicato Stampa

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Интервюта и коментари

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

CINA E INDIA TORNANO A PARLARSI: IL FUTURO DELL’ASIA PASSA DA QUI

News image

Il primo ministro indiano Narendra Modie il president...

Dal mondo