oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

 

Nikola-Dimitrov-and-Ekaterina-Zaharieva-June-2019

  Il ministro degli esteri della Repubblica del Nord della Macedonia, Nikola Dimitrov, e la sua controparte bulgara, Ekaterina Zaharieva, a Sofia, il 10 giugno 2019.

 

Le personalità nelle storie condivise della Bulgaria e della Repubblica del Nord della Macedonia rimangono un tema delicato e alcuni disaccordi hanno creato scompigli negli ultimi anni.

Ciò è emerso chiaramente dopo il primo - e lungo ritardo - della riunione della commissione intergovernativa congiunta tra i due paesi il 10 giugno, copresieduta dal ministro degli Esteri bulgaro Ekaterina Zaharieva e dal suo omologo della Macedonia settentrionale, Nikola Dimitrov.

C'è una commissione congiunta sulla storia che coinvolge specialisti dei due paesi, con lo scopo di elaborare posizioni di consenso su questioni che da lungo tempo sono questioni di contesa.

Questa commissione sulla storia non ha prodotto un accordo su Gotse Delchev, un eroe nelle storie della Bulgaria e della Macedonia settentrionale. È difficile dire molto sul rivoluzionario del XIX secolo senza essere accusato di schierarsi dalla parte di uno dei due paesi.

Parlando dopo la commissione intergovernativa congiunta, la bulgara Zaharieva ha affermato che il suo paese continuerà a sostenere la Macedonia settentrionale per ottenere una data per l'inizio dei colloqui di adesione all'UE, ma "osserverà rigorosamente l'attuazione" del trattato bilaterale di buon vicinato - "specialmente nel sezione storia ".

Zaharieva ha sottolineato che nell'accordo di associazione della Macedonia settentrionale con l'UE c'era un obbligo per le relazioni di buon vicinato "e la nostra condizione è l'attuazione del trattato di amicizia, buon vicinato e cooperazione, compresa la parte sulla storia".

Fonte:SofiaGlobe

winners-and-losers-montage-604x272

Con soli pochi voti rimanenti da contare nelle elezioni del Parlamento europeo del maggio 2019 in Bulgaria, il quadro di coloro che hanno vinto e che hanno perso è chiaro; e che anche alcuni vincitori sono anche dei perdenti.

Il vincitore più ovvio è il primo ministro Boiko Borissov e il suo partito GERB di centro-destra, che ha raggiunto un decisivo vantaggio sul partito socialista bulgaro dell'opposizione, una massiccia ripresa dai numeri riscontrati nei sondaggi all'inizio della campagna, quando la polemica sulla il prezzo delle acquisizioni immobiliari da parte dei politici a maggioranza dominante ha avuto un grave impatto.

Una strada verso il primato in salita per il partito GERB che era stato accusato dal partito socialista del BSP di utilizzare le risorse dello stato per la campagna elettorale.                                                                                 Accuse, formalmente depositate presso la Commissione centrale elettorale dal BSP, che sono state respinte dalla commissione.

Le ultime dichiarazioni di Borissov fanno molto pensare che non è una coincidenza il fatto che tra i primi sui commenti sull'esito delle elezioni del Parlamento europeo sia emerso che il GERB aveva detenuto tutte le principali città bulgare. Chiaramente è consapevole della gara che attende alla fine di ottobre alle elezioni nazionali.

Anche se il GERB ha mantenuto il suo primo posto nel maggio 2019 e la sua percentuale è simile a quella delle elezioni del Parlamento europeo di cinque anni fa, in termini assoluti i numeri degli elettori del partito sono diminuiti di alcune decine di migliaia. Un certo numero di fattori potrebbero essere in gioco, uno in effetti è il danno da ciò che i media bulgari persistono nel chiamare "appartamento" (i media bulgari aggiungono abitualmente il suffisso -gate a tutte le controversie, sia grandi che banali, in evidente ignoranza della natura dello scandalo Watergate). Un altro fattore potrebbe essere la defezione degli elettori del GERB alla coalizione riformista democratica bulgara.

Anche il partito “La Bulgaria Democratica ha superato le proprie aspettative. Radan Kanev, il numero uno nella lista dei candidati al Parlamento Europeo, ha rilasciato un'intervista prima del 26 maggio parlando di come il suo partito stesse guadagnando terreno. Nella notte delle elezioni, Kanev ha ammesso apertamente che il risultato della coalizione ha superato le sue aspettative. La spinta di maggio 2019 potrebbe dare un certo impulso credibile alla Bulgaria democratica negli anni che restano alle elezioni dell'Assemblea nazionale programmate per il 2021 (meno le elezioni presidenziali successive dello stesso anno, che escludendo circostanze impreviste sarà la consueta battaglia tra i due partiti GERB e BSP una sorta quindi di secondo round).

Il leader della BSP Ninova, perlomeno, non ha ricorso all'usanza del suo predecessore Sergei Stanishev, che attraverso tutte le sconfitte elettorali del partito cercò di persuadere i giornalisti che, i risultati elettorali andavano analizzati correttamente (di solito coinvolgendo il voodoo con i numeri) spacciando la sconfitta con una vittoria.

Alla sua conferenza stampa del 27 maggio, Ninova ha fatto un riferimento abbastanza diretto al fatto che non avrebbe emulato Stanishev in questo senso, anche se non ha mancato di sottolineare che in termini assoluti, il BSP ha aumentato i suoi elettori rispetto agli anni precedenti

I confronti, tuttavia, sono discutibili. È vero che il BSP ha guadagnato una percentuale significativamente più elevata di quanto non fosse nelle elezioni del Parlamento europeo del 2014, passando da 424 037 voti di cinque anni fa a oltre 450 000.

La Ninova, che non ha raggiunto il sostegno del BSP nei tre anni in cui è stata leader del partito, ha fatto un cenno alla realtà aprendo la strada a un concorso di leadership, dove cercherà comunque un nuovo mandato. La sua vittoria a maggio 2016 nella corsa al leader di BSP non è stata facile, e da allora il suo trono non e’ mai stato al sicuro. Tra tutti e cinque i gruppi che hanno vinto i seggi del Parlamento europeo, BSP e Ninova sono i perdenti più ovvi, non in termini numerici - per quanto interpretati - ma in mancanza del principale obiettivo strategico di Ninova, di togliere Borisov dal potere.

Nessuna analisi deve dedicare molto tempo al Movimento per i diritti e le libertà, terzo posto nel 2019, come nel 2014, anche se questa volta anche con un numero notevolmente inferiore di voti. Ha seguito il suo modello consueto sul percorso della campagna, e ha ignorato tutti gli attacchi sulla presenza di Delyan Peevski, personaggio molto controverso, al secondo posto nella lista dei candidati.
Il partito'ultra-nazionalista VMRO di Krassimir Karakachanov e il suo principale candidato alla guida, Angel Dzhambazki, sono diventati i due vincitori di queste elezioni, ottenendo due seggi.

80A4D53A-938F-45CC-8382-1F798E44C9B2

Il partito del GERB del centro-destra del primo ministro bulgaro Boiko Borissov ha ottenuto la maggior parte dei voti nelle elezioni del Parlamento europeo del paese il 26 maggio 2019, in base ai risultati degli exit poll rilasciati subito dopo la chiusura delle votazioni.

 

 L'agenzia Alpha Research ha mostrato il GERB al 32,7%, il Partito socialista bulgaro di Kornelia Ninova al 23,2%, il Movimento per i diritti e le libertà al 13,6%, l'ultra-nazionalista VMRO al sette per cento e il partito riformista  democratico al 5,9 per cento  .

 

 Se confermato dai risultati ufficiali, questo metterebbe queste cinque formazioni oltre la soglia del 5,88% necessaria per vincere uno dei 17 seggi della Bulgaria nel Parlamento europeo.

 

 Stime non ufficiali delle assegnazioni dei posti conterebbero GERB sette, BSP cinque, MRF tre, VMRO uno e il partito riformista  uno.

 

 La Commissione elettorale ha stimato l'affluenza alle urne del 26,22% .  I sondaggi si sono chiusi alle 20:00.  Alpha Research ha affermato che l'affluenza alle urne è stata del 28,8% alle 19:00.

 

 Il voto elettorale del Parlamento europeo in Bulgaria è arrivato alla fine di un weekend di tre giorni, il risultato di un giorno festivo il 24 maggio, e al termine di campagne generalmente poco brillanti che avevano molto poco a che fare con questioni a livello UE ma più che altro a litigi politici nazionali

 

 Per GERB, il risultato - in uscita dei sondaggi  è stato un grande ritorno dal momento in cui è iniziato il periodo ufficiale della campagna e il partito di Borissov era partito svantaggiato per via  delle controversie riguardanti le acquisizioni immobiliari a prezzo ridotto coinvolgendo politici del partito al governo.

 

 Tuttavia, mentre il periodo della campagna si è svolto, Borissov ha messo il piede sull'acceleratore - nominalmente, nella sua veste di capo del governo, piuttosto che come attivista partigiano - con apparizioni mediatica di alto profilo visitando progetti infrastrutturali per dare un profilo positivo al suo  partito, che ha funzionato sul suo registro nel governo.

 

 Contro questo, il BSP di Ninova, che ha cercato di spingere il suo candidato principale, l'ex giornalista Elena Yoncheva, come combattente per la corruzione, e per estensione, GERB e la maggioranza dominante come endemicamente corrotta.  Come è stato negli ultimi anni, il BSP ha guadagnato, relativamente, solo nei giorni in cui GERB ha perso il suo sostegno.  Ninova, se i sondaggi di uscita sono confermati, non è riuscita  a estendere l'impronta del BSP oltre il suo elettorato tradizionale e in via di invecchiamento.

 

 Il VMRO restituirà al Parlamento europeo l'eurodeputato ultra-nazionalista Angel Dzhambazki, mentre la Bulgaria democratica riformista sembra aver superato le precedenti aspettative dei sondaggisti.  La Bulgaria democratica, tuttavia, ha adottato un approccio cauto nella notte delle elezioni, annunciando che avrebbe tenuto una conferenza stampa post-partita solo il 27 maggio, una volta che i risultati sarebbero stati più saldi.

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

L’India guarda al futuro dopo la vittoria elettorale di Narendra Modi

News image

Dopo la vittoria riportata alle elezioni generali che gli ...

Dal mondo