oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Boyko-Borisov

Il primo ministro Boyko Borisov propone la chiusura di tutte le frontiere nell'Unione europea (UE) al fine di fermare il flusso di migranti illegali. Il suo suggerimento è stato presentato alla riunione plenaria della Conferenza delle commissioni per gli affari europei dei parlamenti dell'UE."La Bulgaria è riuscita senza molte chiacchiere, senza molte lamentele, abbiamo creato una guardia affidabile sul confine turco-bulgaro - con i recinti necessari, polizia supplementare, navi e per un anno e mezzo la Bulgaria ha una nuova situazione. puoi vedere che il nostro confine, che è sorvegliato, è uguale a quello greco, quindi propongo un compromesso che difenderò al Consiglio europeo - innanzitutto offriamo una prevenzione immediata e include la chiusura di tutti i confini nell'UE, "Borisov ha detto."Ufficialmente, chiunque desideri entrare nell'UE deve andare ai checkpoint (posti di ispezione) - vedere le stampe, fare ispezioni e così via.Questo non è diverso da quello che sta succedendo negli Stati Uniti, in Canada.Perché l'Europa non è così? "Questo è un grosso errore", ha detto il primo ministro."I paesi dovrebbero essere divisi in Europa, i paesi che fanno parte dei confini dell'UE come la Bulgaria devono essere assistiti e ricevere aiuto dagli altri, e tutto da passare attraverso i checkpoint." Se qualcuno non soddisfa i requisiti dovrebbe tornare da dove sono venuti , Borisov ha spiegato, quindi la prima parola è chiamata prevenzione - fermando immediatamente il flusso e da lì seguendo le regole ", ha detto il primo ministro. Secondo lui, la Bulgaria ha garantito il 100% della nostra parte della frontiera esterna dell'UE.Se non vengono catturati all'interno dell'UE, disciplinati e aiutati, possono diventare una fonte di estremismo, ha detto Borisov. Se al momento non ci sarà aiuto per i Balcani occidentali, sarà molto tardi, ha detto."L'ultima guerra è stata qui nei Balcani - in Kosovo, e abbiamo deciso di dare un esempio ai nostri colleghi macedoni e quello che non è stato possibile ottenere per decenni siamo riusciti a firmare il contratto con il nostro collega Zoran Zaev.

  Me Gusta Todo!

photo_verybig_190661

Il vice primo ministro e ministro degli affari esteri Ekaterina Zaharieva sarà in visita nella Repubblica di Macedonia, secondo quanto riportato da Nova TV.Il programma di Zaharieva, secondo il Ministero degli Affari Esteri, inizierà con una visita a un asilo nella municipalità di Novo Selo, nella Macedonia sudorientale, dove donerà attrezzature informatiche. Nella città di Strumitsa, Zaharieva sarà su "The Iron Lamp" - uno spettacolo con il quale il Bulgarian Army Theatre ha girato la Macedonia dall'inizio della settimana. I media macedoni si aspettavano la presenza del primo ministro Borisov alla premiere di lunedì, ma ciò non è accaduto a causa delle sue previste visite in Turchia e Israele.Domani a Skopje Zaharieva parteciperà all'inaugurazione ufficiale di One Love Tour 2018 - un festival con artisti bulgari e macedoni in stili diversi.La visita arriva pochi giorni dopo che lei e il primo ministro Boyko Borissov hanno rifiutato di incontrare il presidente macedone Gjorge Ivanov, che era a Sofia su invito del presidente Rumen Radev.

photo_verybig_190574

 

Con il ministro bulgaro per le tecnologie dell'informazione e la comunicazione Ivaylo Moskovski,  i ministri delle telecomunicazioni degli Stati membri dell'UE hanno confermato oggi la loro posizione su una bozza di norme UE per garantire che prodotti e servizi nel mondo digitale siano sicuri da usare.Nella seconda giornata della riunione del Consiglio "Trasporti, telecomunicazioni e energia" svoltasi a Lussemburgo, i ministri hanno confermato l'approccio generale del Consiglio sulla proposta legge sulla sicurezza informatica, che aggiornerà anche l'attuale Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA) a un'agenzia permanente dell'UE per la sicurezza informatica.    "Vogliamo tutti che i nostri dispositivi siano sicuri: questo nuovo quadro di certificazione aumenterà la fiducia e la fiducia nelle soluzioni digitali innovative".In base alle bozze delle regole, prodotti come auto connesse e dispositivi medici intelligenti saranno in grado di ottenere certificati speciali che confermano che sono sicuri per operare nell'ambiente digitale. I certificati rilasciati nell'ambito dei regimi saranno validi in tutti i paesi dell'UE, rendendo il processo più semplice e più affidabile per i clienti e le imprese. I certificati saranno volontari a meno che ulteriori norme UE o degli Stati membri li rendano obbligatori.Il progetto di norme chiarisce inoltre che l'agenzia ENISA svolgerà un ruolo chiave nel sostenere gli Stati membri, le istituzioni dell'UE e altre parti interessate sulle questioni informatiche.I ministri di oggi hanno anche fatto il punto sui progressi compiuti dalla presidenza bulgara sull'avanzamento delle norme sulla privacy proposte per le comunicazioni elettroniche (norme ePrivacy).Hanno anche discusso la proposta di promuovere il riutilizzo delle informazioni del settore pubblico, guidando così i futuri lavori in seno al Consiglio su questo dossier.

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Интервюта и коментари

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

CINA E INDIA TORNANO A PARLARSI: IL FUTURO DELL’ASIA PASSA DA QUI

News image

Il primo ministro indiano Narendra Modie il president...

Dal mondo