oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Общество

Dal 1 ° gennaio 2024 i bulgari pagheranno in euro nei negozi. Questa è la data indicativa per l'ingresso della Bulgaria nell'area dell'euro.

È citato in un progetto di emendamento al decreto del Consiglio dei ministri, che regola le attività del Consiglio di coordinamento per la preparazione della Bulgaria all'adesione all'area dell'euro.

Entro il 30 giugno 2021, il Consiglio di coordinamento dovrà redigere un progetto di Piano nazionale per l'introduzione dell'euro in Bulgaria. I copresidenti del Consiglio saranno il Ministro delle Finanze e il Governatore della BNB, le modifiche previste.

Vengono inoltre descritti gli obblighi delle istituzioni bulgare in merito all'introduzione della valuta euro. Ad esempio, BNB sarà responsabile del software ATM in modo da garantire che funzioni con le banconote in euro. BNB è anche responsabile del design delle monete in euro bulgare.

Il gruppo di lavoro del Consiglio sulla protezione dei consumatori monitorerà il ricalcolo dei prezzi da BGN a EUR al fine di superare la pratica viziosa dei venditori che arrotondano i prezzi. Verrà inoltre avviata una campagna per una "giusta introduzione dell'euro".

Il gruppo di lavoro sulla comunicazione del Consiglio stamperà materiale informativo per diversi gruppi target (studenti, pensionati, famiglie, persone con bisogni speciali, minoranze etniche). Manterrà inoltre un sito dedicato alle informazioni sull'euro.

fonte novinite.com

L'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) giovedì (4 marzo) ha avviato una revisione continua del vaccino Sputnik V russo in un primo passo verso la concessione dell'approvazione del jab in tutta l'UE.

Il comitato per i medicinali umani (CHMP) dell'agenzia ha detto che esaminerà lo Sputnik V , un vaccino COVID-19 sviluppato dal centro nazionale di epidemiologia e microbiologia Gamaleya della Russia.

La decisione arriva dopo che studi preliminari di laboratorio e clinici sugli adulti hanno indicato che il vaccino ha innescato la produzione di anticorpi e cellule immunitarie, secondo un comunicato stampa rilasciato dall'EMA.

Nella dichiarazione, l' EMA ha affermato che l'agenzia valuterà la conformità di Sputnik V ai "consueti standard dell'UE per l'efficacia, la sicurezza e la qualità".

Hanno aggiunto che, sebbene non vi sia alcuna garanzia di scadenze complessive, dovrebbe richiedere "meno tempo del normale" per valutare un'eventuale domanda a causa del lavoro svolto durante la revisione progressiva.

La mossa ha sollevato dubbi sul fatto che la Commissione cercherà di redigere un accordo di acquisto avanzato (APA) per il vaccino.

La Commissione ha voluto prendere le distanze da questa idea, con un portavoce che ha sottolineato che "al momento non sono in corso colloqui" tra la società e il team negoziale europeo.

Tuttavia, hanno aggiunto che questo potrebbe cambiare in futuro, a condizione che ci sia un accordo tra la Commissione e gli Stati membri.

Alla domanda sulle implicazioni geopolitiche dell'approvazione del vaccino, un portavoce della Commissione ha sottolineato che l' EMA intraprende analisi solo sulla “sicurezza ed efficacia di un vaccino”.

"La geopolitica non ha nulla a che fare con il fatto che l' EMA consideri un vaccino sicuro ed efficiente o meno", hanno detto.

Intervenendo durante una conferenza stampa, l'eurodeputato di centro-destra Peter Liese, che è il coordinatore del PPE nella commissione per l'ambiente e la sanità pubblica del Parlamento europeo, ha affermato che, sebbene non dovremmo illuderci che il vaccino Sputnik possa essere un "punto di svolta" per la strategia di vaccinazione dell'UE , non ha visto alcun motivo per escludere il vaccino se dimostrato di essere sicuro ed efficace.

Tuttavia, ha sottolineato che ci sono ancora una serie di punti interrogativi sull'uso del vaccino, in particolare sulla validità dei set di dati.

"Dobbiamo sapere come sono stati generati questi dati e se possiamo fidarci di loro", ha detto, aggiungendo che al momento non esisteva un'analisi indipendente dei dati.

Liese ha anche sottolineato la sua fiducia nell'EMA , affermando che la pressione politica non influenzerebbe la decisione dell'agenzia in merito e che ci si può fidare di offrire una valutazione oggettiva del vaccino, indipendentemente dalla sua origine.

Ha aggiunto un appello alla Commissione di seguire l'esempio e di approvare il vaccino se e quando l' EMA darà il via libera, senza tener conto di considerazioni politiche.

Una revisione continua è uno strumento normativo utilizzato dall'EMA per accelerare la valutazione di un farmaco promettente durante un'emergenza di salute pubblica.

In circostanze normali, tutti i dati sull'efficacia, la sicurezza e la qualità di un medicinale o di un vaccino e tutti i documenti richiesti devono essere pronti all'inizio della valutazione in una domanda formale di autorizzazione all'immissione in commercio.

Tuttavia, nel caso di una revisione progressiva, il CHMP rivede i dati non appena diventano disponibili dagli studi in corso, che continuano fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti per la domanda formale di autorizzazione all'immissione in commercio. La revisione dei dati in questo modo aiuta ad accelerare il processo di approvazione.

Finora, due paesi dell'UE , Ungheria e Slovacchia, hanno portato avanti il ​​proprio piano per il vaccino. L'Ungheria sta già utilizzando il vaccino russo, mentre la Slovacchia ha ricevuto le prime dosi del colpo.

L'annuncio arriva dopo settimane di confusione sullo stato del vaccino dopo che i suoi sviluppatori hanno ripetutamente affermato che i dati erano già stati inviati all'EMA per avviare il processo di revisione continua, cosa che è stata negata dall'agenzia.

fonte novinite.com

Le autorità sanitarie bulgare hanno lanciato un sistema di registrazione online per i vaccini iniezioni di Covid-19 il 4 marzo, con il ministro della Salute Kostadin Angelov che lo descrive come una componente chiave dello sforzo di vaccinazione di massa, inteso a ottimizzare la logistica del processo.

Ospitato sul sito web del Servizio nazionale di informazione sanitaria - his.bg/bg/reservation , solo in bulgaro - il processo di registrazione in quattro fasi richiede agli utenti di inserire i propri dati di identificazione personale, dopodiché possono scegliere il vaccino preferito, la posizione e una fascia oraria per ricevere il jab. I dati richiesti includono i numeri di identificazione personale (quelli noti con l'abbreviazione bulgara EGN o il numero personale di uno straniero rilasciato ai titolari di permessi di soggiorno), la data di nascita, il numero della carta d'identità, l'emittente della carta d'identità e la data di rilascio della carta d'identità.

Le posizioni nel sistema sono limitate ai centri di vaccinazione e non includono medici di medicina generale, come inizialmente previsto. Ci sono 352 centri di questo tipo attualmente operativi in ​​tutta la Bulgaria. Angelov ha detto che il motivo per escludere i medici di base era che le loro pratiche erano molto varie ed era difficile includerli tutti in un unico sistema.

Nella prima fase, il sistema controlla automaticamente se i dati personali forniti sono corretti, ma non evidenzia eventuali dati errati come ulteriore caratteristica di sicurezza, ha affermato Ivailo Filipov, direttore di Informatsionno Obsluzhvane, la società IT di proprietà statale che ha sviluppato il sistema. Sebbene gli utenti possano scegliere il loro vaccino preferito durante la registrazione, la decisione finale deve essere presa presso il centro di vaccinazione sulla base del consiglio medico del medico che somministra il vaccino, tenendo conto della storia medica di una persona, ha detto Angelov.

La scelta dei vaccini al momento della registrazione potrebbe anche essere limitata in base alle quantità disponibili e ai tempi di consegna previsti, ha affermato. La prima data disponibile che è possibile prenotare è una settimana dal giorno della registrazione, ma viene concesso un periodo di due settimane tra cui scegliere, il che significa che al momento del lancio, il 4 marzo, le date disponibili erano dall'11 al 24 marzo.

Inoltre, il sistema offre la possibilità di scaricare il modulo di consenso informato, che gli utenti possono compilare in anticipo, il che ha lo scopo di semplificare ulteriormente il processo di vaccinazione. Come parte del processo di registrazione, agli utenti viene richiesto di fornire un numero di telefono o un indirizzo e-mail per ricevere le notifiche, una iniziale sulla fascia oraria prescelta e un promemoria inviato 24 ore prima della fascia oraria scelta.

Il sistema consente inoltre a un utente di modificare il proprio appuntamento in un'altra fascia oraria, liberando automaticamente quella prescelta inizialmente.  Le persone che hanno già ricevuto la prima dose di vaccino non dovevano registrarsi e sarebbero state aggiunte automaticamente al sistema, ricevendo una notifica se avessero fornito le loro informazioni di contatto, ha detto Filipov. Non è chiaro se il nuovo sistema di registrazione online sostituirà completamente i "corridoi verdi" esistenti aperti a tutti coloro che desiderano vaccinazioni contro il Covid-19.

Angelov ha detto che il sistema online aveva lo scopo di "facilitare il flusso di pazienti verso le strutture mediche", ma ha osservato che "i centri di vaccinazione probabilmente istituiranno una sorta di organizzazione" per tenere conto delle mancate presentazioni, lasciando aperta la prospettiva che il "verde corridoi ”potrebbero continuare ad esistere in qualche forma.

fonte sofiaglobe.com

La Bulgaria è nella terza ondata della pandemia Covid-19, ha detto il 4 marzo il primo ministro Boiko Borissov, esortando il pubblico a rispettare le misure antiepidemiche ed esprimendo frustrazione per il fatto che il giorno della festa della Liberazione del giorno precedente avesse visto persone affollarsi all'aperto. luoghi pubblici.

"Sebbene i media spieghino così tanto e vediate cosa sta succedendo in altri paesi, quali severi divieti di uscire di casa ci sono, ieri era ancora affollato di gente", ha detto Borissov.

"Non riesco a capirlo, se non stiamo spiegando che la pandemia è nella sua terza ondata, in pieno svolgimento", ha detto.

L'inizio di marzo ha visto il governo di Borissov allentare diverse misure, tra cui consentire la riapertura di ristoranti, mentre nelle ultime settimane si è assistito a un graduale aumento dei casi di Covid-19, che le autorità attribuiscono alla variante britannica del virus.

“Questo è l'atteggiamento delle persone e non so chi suggerisce loro che tutto è passato. Sì, abbiamo permesso a tutto di funzionare, al momento la pandemia è sotto controllo ”, ha detto Borissov in un incontro con il ministro della Salute Kostadin Angelov e altri alti funzionari sanitari.

Borossov ha affermato che le vaccinazioni continueranno, esclusivamente con i vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali. "Non possiamo essere ritenuti responsabili per gli altri", ha detto.

Angelov ha detto a Borissov che su base nazionale, l'occupazione dei letti nei reparti Covid-19 per i pazienti che non necessitano di cure intensive era del 48%, mentre il 57% dei letti di terapia intensiva nel paese era occupata.

“Abbiamo preso accordi per aumentare la percentuale di posti letto in tutte le istituzioni mediche ove necessario. Crediamo che in questo momento l'epidemia sia sotto controllo ", ha detto Angelov.

Ha detto che la Bulgaria prevede di ricevere più dosi di vaccino la prossima settimana e ha espresso la speranza che i produttori rispettino i contratti firmati in modo che le fasi del piano di vaccinazione nazionale della Bulgaria contro Covid-19 possano essere implementate.

In altre notizie del 4 marzo relative alla situazione Covid-19:

Le autorità sanitarie del distretto bulgaro di Kurdzhali hanno segnalato un aumento dell'incidenza del nuovo coronavirus, con l'85% di posti letto Covid-19 nell'ospedale, mentre altri 16 dovrebbero essere aperti nel secondo reparto di malattie interne .

In questa fase, le strutture sanitarie della regione dispongono delle attrezzature, dei medicinali e dei dispositivi di protezione individuale necessari per affrontare la situazione, afferma il comunicato.

Il 4 marzo, gli alunni del sesto, nono e dodicesimo anno in Bulgaria sono tornati alle lezioni di persona, come parte di un sistema di istruzione a rotazione tra classi di persona e apprendimento a distanza per gradi diversi per due settimane alla volta .

Gli alunni delle classi quinta, decima e undicesima sono passati alla formazione a distanza.

Una decisione definitiva sulle date delle vacanze scolastiche primaverili è prevista entro la fine della settimana.

L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dichiarato il 4 marzo che il suo comitato per i medicinali umani (CHMP) ha avviato una revisione continua di Sputnik V (Gam-COVID-Vac), un vaccino Covid-19 sviluppato dal Centro nazionale di epidemiologia e microbiologia Gamaleya della Russia . Il richiedente UE di questo medicinale è R-Pharm Germany GmbH.

La decisione del CHMP di avviare la revisione progressiva si basa sui risultati di studi di laboratorio e studi clinici sugli adulti, afferma la dichiarazione. Questi studi indicano che Sputnik V innesca la produzione di anticorpi e cellule immunitarie che prendono di mira il coronavirus SARS-CoV-2 e possono aiutare a proteggere contro Covid-19.

L'EMA ha affermato che valuterà i dati non appena saranno disponibili per decidere se i benefici superano i rischi. La revisione progressiva continuerà fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti per la domanda formale di autorizzazione all'immissione in commercio.

“L'EMA valuterà la conformità di Sputnik V ai consueti standard dell'UE in materia di efficacia, sicurezza e qualità. Sebbene l'EMA non sia in grado di prevedere le tempistiche complessive, dovrebbe richiedere meno tempo del normale per valutare un'eventuale domanda a causa del lavoro svolto durante la revisione continua ".

L'EMA comunicherà ulteriormente quando la domanda di autorizzazione all'immissione in commercio per il vaccino sarà stata presentata, afferma la dichiarazione.

fonte sofiaglobe.com

Per costruire una difesa collettiva contro il coronavirus, circa l'80% dei bulgari deve acquisire l'immunità. Questo è emerso dal commento della virologa Prof. Radostina Alexandrova su bTV.

"Per costruire l'immunità di gregge contro il virus, ci vuole almeno il 60-70% della popolazione inoculata. Con l'avvento di nuovi ceppi si ritiene che questa percentuale dovrebbe essere ancora più alta - fino all'80%. Non solo la Bulgaria , ma l'intera il mondo è ancora lontano da quello ", ha spiegato lo specialista.

La professoressa Alexandrova ha parlato del vaccino Johnson & Johnson, che è stato autorizzato negli Stati Uniti pochi giorni fa.

Nelle sue parole, il vaccino assomiglia a quello di AstraZeneca, poiché è anche basato su vettori, ma la differenza è che viene somministrato in una sola dose e ha mostrato un tasso di efficacia più elevato. Si tratta di un vaccino monodose, a differenza degli altri, e viene conservato a temperature più basse normali rispetto a Pfizer e Moderna "Previene oltre l'85% dei casi gravi", ha spiegato il professore.

Questa settimana, Johnson & Johnson spedirà 4 milioni di dosi del suo vaccino negli Stati Uniti. La consegna di altri 16 milioni di dosi è prevista per la fine di marzo.

"Già durante gli studi clinici, Johnson & Johnson è entrato in una battaglia diretta con le nuove varianti del virus. Un altro vantaggio è che può essere conservato per 3 mesi in un normale frigorifero", ha aggiunto l'esperto.

La professoressa Alexandrova ritiene che questa sia una pandemia che non può essere affrontata con un vaccino, un'istituzione o un paese. Più vaccini ci sono, meglio è, ha osservato

fonte novinite.com

Снимка на деня

Rila

Rila

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

In posizione centralissima a Sofia si offre in gestion...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Dal mondo

Le prime bombe di Joe Biden sulla Siria e sul dialogo con l’Iran

News image

Il primo attacco aereo della presidenza Biden è avvenu...

Dal mondo