oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

liato-more-2-561422-810x0-307761-810x0

I dati dell'Istituto statistico bulgaro mostrano che il numero di turisti stranieri in Bulgaria è aumentato di 3.644.000, il ministro del turismo Nikolina Angelkova ha detto ai giornalisti a Bourgas il 17 agosto. I dati sono stati rivelati in relazione a una dichiarazione dell'ex viceministro del turismo Branimir Botev, il quale ha affermato che la gestione di Angelkova del turismo porta dei crolli in Bulgaria.

 

Angelkova ha detto che negli ultimi anni il settore del turismo ha ottenuto molto, e tutte queste azioni e attacchi non porteranno nulla di positivo per l'immagine della Bulgaria come destinazione turistica.

 

Capisco che alcune persone sono alla ricerca di apparizioni sui media, ma non penso che sia così, specialmente da qualcuno che ha lavorato per il turismo bulgaro, ha detto Angelkova. All'inizio pensavo che la dichiarazione di Branimir Botev fosse una barzelletta.

 

Se esistono prove, le istituzioni competenti dovrebbero essere allertate. Altrimenti, tali commenti mina il mio prestigio e quello delle istituzioni, ed è per questo che sto intraprendendo azioni legali, ha detto Angelkova.

 

Il ministro del turismo ha informato che al momento tutte le spiagge sul territorio del paese sono state ispezionate. Molti di questi vengono controllati due o tre volte. C'è stato un caso di spiaggia, dove sono stati effettuati 10 controlli per la stagione, ha aggiunto Angelkova.

 

Secondo lei, erano attesi i dati sul flusso turistico per luglio. Le aspettative del ministero del turismo sono di mantenere la crescita, che mostrerà che la Bulgaria è una destinazione sostenibile.

 

Oggi è stata nella città balneare di Bourgas per prendere parte a una tavola rotonda per discutere del progetto di 12 destinazioni enogastronomiche. Rappresentanti delle autorità locali e del settore turistico e agricolo della regione hanno discusso le destinazioni "Dobrudja e Mar Nero settentrionale" e "Costa meridionale del Mar Nero".

 

La tavola rotonda è parte dell'iniziativa per creare e convalidare destinazioni, sulle quali lavorano congiuntamente il Ministero del turismo e il Ministero dell'agricoltura, dell'alimentazione e delle foreste.

 

Anche il sindaco Dimitar Nikolov e il direttore esecutivo dell'Agenzia esecutiva per la vite e il vino Krassimir Koev hanno preso parte alla discussione a Bourgas.

Fonte:bnt.bg

photo_verybig_191695

La Bulgaria ha deciso di rinnovare più di 200 ponti in seguito al crollo mortale di un ponte nella città italiana di Genova, secondo le informazioni del governo pubblicate giovedì (16 agosto).

 

Un totale di 211 ponti - la maggior parte dei quali sono stati costruiti tra 35 e 40 anni fa - sono in cattive condizioni, ha riferito il ministro dello Sviluppo regionale a una riunione del governo, secondo i verbali pubblicati giovedì.

 

Il primo ministro Boyko Borisov ha detto che tutto deve essere rinnovato e rafforzato.

 

"Se finanziati attraverso prestiti da restituire tramite pedaggi o se paghiamo con il budget, voglio che tutti vengano rinnovati contemporaneamente", ha detto l'incontro di mercoledì (15 agosto).

 

La Bulgaria, il paese più povero dell'UE, riceve da decenni aiuti finanziari dall'Europa per modernizzare le sue infrastrutture.

 

Il paese è quasi quattro volte più grande del Belgio, ma ha solo 777 km di autostrada, molti dei quali sono in cattivo stato.

 

Il ponte autostradale nella città italiana di Genova è crollato martedì (14 agosto) durante un forte temporale, uccidendo almeno 38 persone e ferendone altre 16.

bunker-1275x636

Sotto le moschee ottomane di Sofia, i monumenti dell’Armata Rossa e le chiese con cupola a cipolla, un imponente groviglio di cunicoli, tunnel e rifugi antiaerei bucherella in lungo e in largo i sotterranei della città. Per chi, i bunker, poteva permettersi di costruirli. Gli altri, durante la Guerra fredda, si arrangiavano allestendo gli scantinati. Oggi, queste reliquie del passato più prossimo della storia della Bulgaria sovietica sono in agguato appena pochi centimetri sotto il marciapiede. Per scoprirli, bisognerà mettersi in ginocchio.

Un’imponente opera di rivalutazione urbanistica delle migliaia di metri cubi del sottosuolo prese vita dall’inizio degli anni Novanta. I bulgari, del resto, avevano già dovuto adattare gli spazi una volta, viste le esigenze pseudo-belliche. Caduto il muro di Berlino, le necessità hanno lasciato posto ad altre necessità. Il popolo avrebbe dovuto iniziare a prendersi cura di se stesso, e centinaia di cittadini più intraprendenti decisero di cogliere l’occasione per trasformare i vecchi rifugi in negozi per la vendita di beni di prima necessità. Così, ben oltre i limiti della legalità, nacquero i “klek”, o “squat” (due verbi che suggeriscono l’atto di inginocchiarsi), botteghe seminterrate senza alcun punto d’accesso ma con una piccola finestra all’altezza del marciapiede attraverso cui comunicare la propria comanda al rivenditore.

All’inizio si trattava perlopiù di un modo per non disperdere le tradizioni. Si vendevano sciroppi, vaniglia fatta in casa, alcolici. Prodotti in grado di trasmettere il senso di familiarità. Col passare degli anni, oltre alla rilevanza storica, si sono trasformati in esempi cristallini di urbanistica dal basso verso l’alto. Con la regolamentazione guadagnata negli ultimi anni, sono diventati chioschi di approvvigionamento aperti 7 giorni a settimana, con delle enormi vetrate colorate che si aprono a ventaglio per mostrare i prodotti offerti. La maggior parte di loro vende sigarette, piccoli snack, bevande, prodotti per la casa. Ma camminando per le traverse della città si incontrano anche calzolai e artigiani d’ogni sorta. Ai clienti non occorre altro che accovacciarsi per fare il loro ordine e pagare il venditore dalla finestra.

L’affitto si aggira sui 5-600 lev (300 euro) al mese, in zone in cui al pian terreno i canoni sarebbero almeno dieci volte superiori. Grazie ai klek, per dire, Radoslav Alexandrov, un vispo vecchietto seduto sul suo sgabello sottoterra nei pressi del Teatro Nazionale, può permettersi di tostare la carne di manzo da usare come ingrediente principale dei suoi panini al formaggio kashkaval. Da bere offre invece un tè alla menta ottenuto da un mazzo di piante bollite che Radoslav raccoglie sui monti Rodopi. Un cocktail di sapori autoctoni da gustare in pieno centro.

Folklore a parte, col numero record di turisti che visitano Sofia, i klek si stanno affermando come alcuni degli spazi sotterranei più creativi della città. E i giovani hipster non stanno certo a guardare. La designer Elena Shemtova, 29 anni, ha fatto del suo klek una galleria d’arte, in cui espone gioielli, dipinti e tessuti di oltre 50 artisti bulgari in ben 236 metri quadrati di allestimento.

I ragazzi del club 5L, invece, hanno trasformato un bunker di due livelli sottoterra nel primo speakeasy della Bulgaria, appena fuori dalla sempre più alla moda Shishman street. Si tratta di uno di quei locali super esclusivi in cui per entrare bisogna conoscere una parola in codice, o un ingresso secondario semi-nascosto, o una combinazione speciale. L’accesso al tempio della mixologia di Sofia, ad esempio, avviene dopo aver individuato la serratura a mezza altezza di un disimpegno di 4 metri quadri arredato con scaffali pieni di libri. Con la giusta chiave, uno degli armadi si apre lasciando spazio a una volta cavernosa rinforzata con muri in pietra larghi due metri e un soffitto in cemento.

Il menu dei cocktail rappresenta una mappa col piano di evacuazione perfetto, un po’ per richiamare l’antica genesi del posto, un po’ per offrire un orientamento al cliente tra le decine di brandy di rakia e ouzos balcanici fruttati che il bartender della casa mescola con sapienza.

L’atmosfera è di quelle indescrivibili: un incrocio tra l’euforia del sorseggio di un drink in epoca di proibizionismo e il godimento dello spazio segreto nell’era della condivisione totale e forzata.

La stessa che si respira al Bsd, solo con più led. Il club sorge tra le mura che fungono da argine per un fiume in realtà diventato ruscello nei pressi del Palazzo Nazionale. È un klek atipico proprio perché rivisitato in salsa contemporanea con l’arredamento ricco di luci blu. La ricreazione è totale: il piano bar non occupa che una manciata dei 400 metri quadrati di superficie, in cui decine di tavoli da biliardo vengono sottratti all’oscurità del seminterrato, un megaschermo proietta qualsiasi evento sportivo il palinsesto mondiale abbia da offrire e i divani Chesterfield fanno da comode sedute per gli amanti delle freccette, giochi da tavolo e Play Station. Buio, in disparte e ricco di passatempi. Il klek perfetto per marinare la scuola. E per di più a prova di bomba.                                                                                                                                                                                                                               Fonte:gliocchidellaguerra.it

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Интервюта и коментари

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

L’IMPATTO MULTIDIMENSIONALE DELLE POLITICHE DELLA AMMINISTRAZIONE TRUMP

News image

Qualche giorno fa il Vice Presidente Americano Pence&...

Dal mondo