oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

alieni-espansione-universo.630x360

Immaginate di essere un alieno, di una civiltà aliena talmente evoluta da essere capace di imbrigliare e usare l'energia di tutte le stelle della galassia. A quel punto, sapete anche che le altre galassie si allontanano sempre più in fretta da voi a causa dell'espansione dell'Universo. Che cosa fareste?

La grande opera. Nel caso in cui la vostra risposta sia andrei subito a prenderle!, avreste dato la stessa soluzione elaborata e pubblicata in questo articolo dal cosmologo e fisico delle particelle Dan Hooper. Secondo Hooper, professore della Chicago University, gli alieni potrebbero aver addirittura già avviato l'opera di importazione stellare!

All'inizio l'universo era molto più piccolo e affollato.
All'inizio l'Universo era molto piccolo e affollato. Col tempo si è "allargato": secondo un filone di pensiero l'espansione continuerà all'infinito.

Alieni formica o alieni cicala? Il nostro universo ha circa 13,8 miliardi di anni, ma si stima che vi siano stelle che possono vivere per più di 10.000 miliardi di anni. Se questo è l'ordine di grandezza il cosmo è davvero ancora giovane, e ha molta energia da distribuire.

Inoltre, stando alle proiezioni, le galassie tra loro più vicine saranno separate dall'energia oscura solo fra 100.000 miliardi di anni. Perché quindi gli alieni dovrebbero preoccuparsi adesso di un problema che si presenterà quando l'Universo sarà diecimila volte più vecchio?

Non rimandare a domani... La risposta, secondo Hooper, sta proprio nell'energia oscura, responsabile dell'espansione accelerata dell'Universo. Significa che non rende solo le altre galassie più lontane, ma le fa fuggire le une rispetto alle altre sempre più velocemente.

Ecco ciò che sappiamo o crediamo di sapere del nostro Universo: poco meno del 5% di ciò che esiste è materia ordinaria (nebulose, galassie, stelle, pianeti, noi stessi...). Di tutto il resto sappiamo dire solo che dovrebbe esserci un 27% circa (in energia) di materia oscura (che corrisponde all'85% di tutta la materia che supponiamo esistere) e di un 68% circa di una ancora più misteriosa energia oscura, di cui non sappiamo dire altro che il nome.

Mettetela in questo modo: un viaggio di un miliardo di anni oggi, sarebbe un viaggio di decine di miliardi di anni domani.

Galassia Groviera. Se questa migrazione stellare stesse accadendo ora, non potremmo comunque percepirla. Ma se fosse cominciata un miliardo di anni fa in un angolo dell'Universo relativamente vicino, dovremmo essere in grado di trovare dei buchi nelle galassie prese di mira. E questo è l'unico aspetto verificabile di un'ipotesi basata su premesse eccezionali.

Fra scienza e poesia. Hooper gioca con l'idea che ci siano alieni super intelligenti che siano giunti alla conclusione che l'universo è condannato a espandersi all'infinitocire a viaggiare a una velocità vicina a quella della luce (forse anche superluminale), ad assorbire l'energia delle stelle grazie a miliardi di sfere di Dyson e persino a spostare le stelle. Avrebbe un tremendo bisogno di strabilianti quantità di energia e non esiterebbe a consumare stelle come noi facciamo col petrolio.

L'idea di Hooper è poco più di un gioco, una bella speculazione, che vede la vita combattere per la sopravvivenza contro la morte dell'Universo.

Fonte:focus.it

photo_verybig_190615

Scienziati di diverse università hanno scoperto una nuova specie di tartaruga nei fiumi e nei torrenti della città turistica messicana occidentale di Puerto Vallarta, ha detto giovedì il Consiglio nazionale della scienza e della tecnologia (CONACYT).La specie di tartaruga - il nome proposto per il quale è "Casquito de Vallarta" (Elmetto di Vallarta) a causa del suo guscio ampio e piatto - è considerata a rischio per l'espansione urbana causata dal turismo, con solo nove esemplari finora contabilizzati.Il ricercatore e studioso dell'Università di Guadalajara (UDG), Fabio German Cupul Magaña, ha dichiarato che i suoi colleghi stanno attualmente esaminando le abitudini e la biologia della tartaruga nel tentativo di prevenirne l'estinzione.L'habitat naturale del rettile di acqua dolce è costituito da ecosistemi come ruscelli e paludi, che tendono ad essere modificati man mano che l'urbanizzazione si espande.La specie è stata scoperta nei fiumi della periferia di Puerto Vallarta da ricercatori dell'UDG, così come da scienziati con l'Università Autonoma Juarez del Messico di Tabasco (UJAT), l'Università di Guanajuato (UGTO) e l'Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM).I ricercatori stanno attualmente lavorando alla pubblicazione dei risultati degli studi genetici effettuati sulla tartaruga per sostenere l'affermazione che si tratta in effetti di una nuova specie.Il nome scientifico del rettile è Vogti di Kinosternon in onore del famoso erpetologo americano Richard Vogt, specializzato nello studio delle tartarughe d'acqua dolce nelle Americhe.

SocialEating

C'è chi ama mangiare in solitudine direttamente dalla padella, chi  sdraiato sul divano con la tv accesa... La loro è vera gioia? I diretti interessati assicurano di sì. Eppure secondo gli studiosi mangiare regolarmente da soli non fa affatto bene. E a lungo andare si ripercuote sulla salute psicofisica.

Lo conferma anche un nuovo studio di Oxford Economics ripreso dal Guardian. I ricercatori hanno fatto un sondaggio su 8.250 cittadini britannici e costruito un "indicatore di benessere" (Living Well Index), dato dalla somma di una serie punteggi attribuiti a qualità del sonno, soddisfazione sessuale, quantità di tempo libero e - appunto - frequenza con cui si mangia in compagnia. Dalla ricerca è emerso che chi mangia da solo mette insieme 7,9 punti in meno, in termini di... felicità, rispetto alla media nazionale britannica (che è di 60,7, in una scala che va da 0 a 100).


 Sembrerebbe che mangiare in compagnia renda le persone più soddisfatte della propria vita e garantisca migliori probabilità di stare bene con se stessi.

Allo studio ha lavorato Robin Dunbar, docente di antropologia e psicologia all'università di Oxford che ha spiegato che «semplicemente non sappiamo» perché le persone che mangiano insieme siano più felici.

Quel che è certo è che pranzare con gli altri attorno a un tavolo favorisce il rilascio di endorfine da parte del cervello producendo in noi una piacevole sensazione di benessere. E che questo rituale sociale risulta imprescindibile, anche nelle nostre vite caotiche e piene di impegni.

Animali sociali. Il fatto che l'uomo sia un animale sociale lo dicevano già gli antichi Greci. Oggi altri studi confermano che le nostre relazioni vis a vis in alcuni casi possono rivelarsi addirittura una questione di vita o di morte.

Un'analisi di 148 studi epidemiologici qualche anno fa ha cercato di capire quali siano i fattori che favoriscono l'aspettativa di vita a un anno dall'infarto. Il risultato è stato esemplare: le persone con relazioni sociali più forti hanno una probabilità di sopravvivenza maggiore del 50% rispetto a quelle con relazioni sociali più deboli.

Nel lungo termine, a fare la differenza in positivo, sono infatti numero (e qualità) degli amici e la decisione di smettere di fumare. «Puoi mangiare quanto vuoi, bere l'alcol che vuoi, ma l'effetto è molto modesto rispetto agli altri due fattori», sostengono, convinti, gli studiosi...

Fonte:Focus.it

Снимка на деня

Rila

Rila

Интервюта и коментари

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

CoronaVirus: la posizione shock dello scienziato Montanari

News image

La biografia del dottor Stefano Montanari, nanopatolo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'