oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

ACC5F8C5-9AA3-468B-80FA-BF6E8232DD25

Il Ministero dell'Energia della Bulgaria ha formalmente invitato lettere di interesse nel bando per scegliere un investitore strategico per il riavvio della centrale nucleare di Belene. Come parte del processo, il ministero cercherà offerte per quote di minoranza e interessi record nei contratti di acquisto di energia elettrica.

 

Il processo di richiesta di proposte offrirà alle parti interessate "determinate informazioni", ha affermato il ministero in una nota. Non ha dato una scadenza precisa per le offerte, affermando invece che le parti interessate avevano 90 giorni dopo la pubblicazione della richiesta di proposte nella Gazzetta ufficiale dell'UE.

 

La ricerca di un investitore strategico dovrebbe essere completata entro 12 mesi dalla pubblicazione della richiesta, ha detto il ministero. La sua dichiarazione ha ribadito la condizione chiave della Bulgaria per il riavvio del progetto, vale a dire che deve essere eseguito su un "principio di mercato", senza garanzie di investimento statali o contratti di acquisto di energia elettrica a lungo termine.

 

La Bulgaria ha congelato il progetto Belene nel maggio 2012 per le preoccupazioni sui costi in mongolfiera, con un rapporto HSBC che stimava la spesa totale con una probabilità di superare i 10 miliardi di euro, dopo non aver firmato un contratto definitivo con Atomstroyexport tra le controversie sulle clausole di escalation dei costi.

 

L'azienda elettrica statale NEK è stata lasciata in possesso di una serie di beni, tra cui il sito, dove è stato speso più di un miliardo di euro per la costruzione e le attrezzature consegnate da Atomstroyexport, la filiale del Rosatom della Russia, che è stata scelta per costruire i due 1000 MW reattori, che la Bulgaria ha dovuto prendere dopo aver perso una causa arbitrale nel 2016.

 

Queste attività saranno scorporate in una società separata in cui gli investitori strategici acquisteranno. In cambio delle attività, NEK prevede di mantenere una quota di minoranza abbastanza ampia da bloccare le decisioni degli azionisti su "alcune questioni", secondo il ministero.

 

Nel giugno 2018, il Parlamento bulgaro ha dato al governo il mandato di tenere colloqui con potenziali investitori nello stabilimento di Belene. Il ministro dell'Energia Temenouzhka Petkova ha presentato il progetto di quadro per il processo di selezione di un investitore strategico per la centrale nucleare di Belene ai deputati a dicembre.

4FDFFC36-F115-46EB-A928-B9C8F499208D

Nei paesi dell'Unione europea nel 2017, la percentuale di bambini sotto i cinque anni considerati in buona o ottima salute era compresa tra il 92,4% in Estonia e oltre il 99% in Bulgaria, Malta, Romania e Italia, secondo l'agenzia di statistiche UE Eurostat. .

 

Nel 2017, oltre il 95 per cento dei bambini nell'Unione europea (UE) era considerato in buona o ottima salute generale.

 

Questa percentuale varia leggermente per fascia d'età, dal 96,5% per quelli di età inferiore ai cinque anni, al 95,9% per quelli tra i 5 ei 9 anni e al 95,2% per quelli tra i 10 ei 15 anni. La percentuale di bambini la cui salute generale è stata considerata essere cattiva o molto cattiva era inferiore all'uno per cento per tutte le fasce d'età.

 

Tra i bambini di età compresa tra cinque e nove anni, la proporzione di quelli considerati di buona o ottima salute era più bassa in Portogallo (89,3%) e Lettonia (91,2%) e più alta in Romania (99,8%), Cipro (98,9% per cento), Italia (98,8%) e Grecia (98,7%).

 

Tra quelli di età compresa tra 10 e 15 anni, la percentuale considerata di buona o ottima salute varia da meno del 90% in Lettonia (88,0%), Portogallo (88,7%) ed Estonia (89,6%) a oltre il 98% in Romania (99,1%), Italia (98,4%) e Bulgaria (98,2%).

 

Nel 2017, tra i bambini di età inferiore ai cinque anni, la percentuale considerata grave  a causa di problemi di salute era inferiore all'uno per cento in tutti i paesi dell'UE ad eccezione del Regno Unito (1,1 per cento), Belgio (1,4 per cento), Finlandia (1,5 per cento) e Austria (1,6 per cento).

 

 Vi è stata una leggera variazione tra i paesi dell'UE, che va da meno dell'1% in Italia (0,2%), a Cipro (0,6%), a Malta (0,7%) e in Bulgaria (0,9%) a 4,9 per cento in Danimarca, 7,8 per cento in Lituania, 8,6 per cento in Lettonia.

 

Per i bambini di età compresa tra i cinque ei nove anni, la proporzione con gravi limitazioni di attività era più elevata nel Regno Unito (3,7%), Danimarca (2,4%), Lussemburgo (2,3%) e Ungheria (2,2%), e più bassa in Italia e Bulgaria (entrambi 0,3 per cento).

 

Moderate limitazioni dell'attività variavano dallo 0,2% in Italia e dallo 0,9% in Grecia al 7,9% in Finlandia, dall'8,3% in Lituania, dall'8,4% in Estonia e dall'11,9% in Lettonia.

 

Tra le persone di età compresa tra 10 e 15 anni, le proporzioni con gravi limitazioni nell'attività andavano dallo 0,1% in Lituania al 2,9% in Lussemburgo e al 4,7% nel Regno Unito, mentre le limitazioni moderate variavano dallo 0,7% in Slovacchia allo 0,8% in Italia e Cipro al 10,9% in Danimarca, l'11,4% in Finlandia e il 13,5% in Lettonia, da fonti Eurostat.                    Fonte:SofiaGlobe

sofia-airport-2010

Il ministero dei trasporti bulgaro ha rinviato il termine ultimo per le gare d'appalto dell'aeroporto di Sofia fino al 3 aprile 2019. Il ministero non ha motivato le sue decisioni di rinviare la scadenza, ma questa volta ha affermato che il rinvio e' stato richiesto dagli offerenti interessati. Le argomentazioni a favore di una gara d'appalto rispecchiarono da vicino quelle avanzate dai socialisti dell'opposizione, i quali sostenevano che era contrario agli interessi dello Stato offrire l'aeroporto in concessione. I socialisti hanno fatto diverse chiamate in parlamento perché il Gabinetto annullasse la gara. Il Consiglio dei ministri vuole utilizzare la grande tassa di concessione anticipata - almeno 550 milioni di euro - sulla BDZ ferroviaria malata del paese, regolando i debiti in sospeso e acquistando nuovo materiale rotabile. Ha inoltre fissato un ambizioso programma di investimenti per il futuro concessionario, richiedendogli di costruire un terzo terminal all'aeroporto e di intraprendere uno studio sull'eventuale costruzione di una seconda pista. Finora, il Manchester Airports Group (MAG), che gestisce gli aeroporti di Manchester, East Midlands e Londra Stansted, ha dichiarato di voler fare un'offerta nel bando. Secondo i rapporti dei media sono interessati a partecipare alla corsa per il più' grande hub aereo della Bulgaria , Fraport dalla Germania, che detiene la concessione sugli aeroporti di Varna e Bourgas sulla costa del Mar Nero in Bulgaria e Flughaven da Zurigo

Снимка на деня

Rila

Rila

Интервюта и коментари

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'