oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

inspekcia_AM_Hemus_2-road-infrastructure-agency-604x272

Il governo bulgaro ha deciso l'11 dicembre di assegnare 483 milioni di leva, ovvero circa 247 milioni di euro, al budget 2019 del ministero dello sviluppo regionale per i futuri lavori di costruzione dell'autostrada Hemus nel nord del paese, che collega la capitale Sofia al porto del Mar Nero di Varna. In una dichiarazione, il Consiglio dei Ministri ha dichiarato di essersi impegnato a stanziare un totale di 1,38 miliardi di leva per l'ultimo tratto di 89 km dell'autostrada, che includeva il finanziamento approvato l'11 dicembre. Ciò è separato dai 1,35 miliardi di leva assegnati lo scorso anno per la costruzione di un diverso tratto dell'autostrada di 134,2 km. Gli 89 km finali sono stati suddivisi in tre sezioni, che saranno costruiti dalla società di costruzioni statale Avtomagistrali, piuttosto che da appaltatori privati ​​scelti in appalti pubblici, che in alcuni quartieri è stato criticato in quanto privo di trasparenza. I fondi rilasciati l'11 dicembre verranno utilizzati dal Ministero dello sviluppo regionale per i pagamenti futuri per lavori su queste tre sezioni, ha affermato l'ufficio stampa del governo. Separatamente, il Consiglio dei Ministri ha approvato 280 milioni di pagamenti per lavori di costruzione e riparazione su strade bulgare, effettuati nel 2019. Di tale importo, 27,1 milioni di leva sono stati assegnati a due tratti dell'autostrada Hemus.

18715466670_9d3d74901a_b-864x400_c

La Banca mondiale fornirà servizi di consulenza a sostegno del governo della Bulgaria, attraverso il ministero dell'Interno, per aumentare l'efficienza del sistema nazionale di gestione del rischio di catastrofi. Un contratto per la fornitura di servizi di consulenza rimborsabili è stato firmato oggi da Mladen Marinov, ministro degli Interni, e Fabrizio Zarcone, Country Manager della Banca mondiale per Bulgaria, Repubblica Ceca e Slovacchia. In base al contratto, la Banca mondiale supporterà il governo nelle seguenti aree principali: Sviluppo di una diagnostica e tabella di marcia che evidenzi le azioni necessarie per rafforzare la gestione del rischio di catastrofi (DRM) Raccolta di dati storici su danni e perdite e sviluppo del concetto per future raccolte Sviluppo di una proposta per il profilo nazionale di rischio di catastrofi della Bulgaria Elaborazione di un rapporto con una proposta per un piano nazionale di gestione dei rischi di catastrofi per la Bulgaria Queste attività rafforzeranno ulteriormente l'attuale sistema bulgaro di preparazione e risposta alle catastrofi, riconoscendo nel contempo l'urgente necessità di accelerare le misure e gli investimenti per far fronte all'aumento dei rischi di catastrofi e climatici. La Banca mondiale porterà la sua esperienza internazionale nello sviluppo di solide valutazioni dei rischi di catastrofi, nella progettazione di investimenti prioritari per la protezione di vite e proprietà e nella costruzione di resilienza finanziaria per il costoso recupero e ricostruzione delle catastrofi. In definitiva, il sostegno della Banca mondiale porterà allo sviluppo di un piano nazionale di gestione dei rischi di catastrofi. "La Banca mondiale ha collaborato con la Bulgaria per preservare le risorse naturali del paese e per rafforzare la resilienza ai cambiamenti climatici. Questo nuovo impegno continua questa partnership con un'attenzione particolare alla protezione delle persone e del loro benessere e alla riduzione dell'impatto economico delle catastrofi. Siamo onorati di portare la conoscenza, l'esperienza e i migliori esempi internazionali della Banca mondiale a favore della gestione dei rischi di catastrofi a beneficio di tutti i cittadini bulgari ", ha dichiarato Fabrizio Zarcone, Country Manager della Banca Mondiale per Bulgaria, Repubblica Ceca e Slovacchia. L'accordo firmato oggi ha bisogno della ratifica parlamentare per entrare in vigore. Il lavoro analitico svolto dalla Banca mondiale sarà di proprietà del governo bulgaro.

Bulgarian-Air-Force-MiG29-600x272

Il Consiglio dei Ministri della Bulgaria ha dichiarato il 4 dicembre di aver approvato un ulteriore 16 milioni di leva (circa 8,2 milioni di euro) per garantire l'aeronavigabilità dei caccia MiG-29 utilizzati dall'aeronautica militare del paese. La dichiarazione del governo non ha fornito ulteriori dettagli sull'assegnazione, ma il primo ministro Boiko Borissov ha detto ai giornalisti dopo la seduta del gabinetto settimanale che i fondi sarebbero stati utilizzati per sostituire i motori su otto jet. "Sedici milioni di leva per otto jet, fino all'arrivo degli F-16, per sostituire i loro motori in modo che i nostri piloti possano svolgere i loro compiti ed essere al sicuro", ha detto Borissov, come citato dall'emittente pubblica Bulgarian National Television. Diverse relazioni dei media bulgari hanno affermato che il finanziamento era previsto dall'accordo quadro approvato lo scorso anno, inteso a garantire l'aeronavigabilità dei MiG-29 al fine di consentire alla Bulgaria di svolgere i suoi compiti di polizia aerea nell'ambito dei compiti della NATO. Quest'estate, la Bulgaria ha firmato contratti per l'acquisto di otto caccia F-16 Block 70 da Lockheed Martin per un totale di $ 1,256 miliardi, ma il primo jet dovrebbe essere consegnato alla fine del 2022. Fino a quel momento, la Bulgaria continuerà a usare i suoi caccia MiG dell'era sovietica.

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo