oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

flags-1617488_960_720

La Commissione ha adottato una decisione che approva richieste supplementari dalla Bulgaria per il supporto tecnico attraverso il programma di sostegno alla riforma strutturale (SRSP). I progetti finanziati dalla decisione odierna si concentrano sulle riforme nel settore dell'insolvenza, con misure di accompagnamento per rafforzare l'infrastruttura giudiziaria e il governo societario delle imprese di proprietà statale. I progetti saranno finanziati con il trasferimento volontario alla Bulgaria di 1,5 milioni di euro dalla componente di assistenza tecnica nell'ambito dei fondi strutturali e di investimento europei all'SRSP. Il programma di lavoro allegato alla decisione delinea le azioni che saranno finanziate e definisce le priorità, gli obiettivi e i risultati attesi dei progetti di riforma.
Queste riforme sono anche rilevanti al fine di preparare una transizione graduale al meccanismo di cambio II. Le autorità bulgare si sono impegnate ad attuare una serie di impegni precedenti nel contesto dell'aspettativa di adesione all'ERM II e all'Unione bancaria entro luglio 2019. Nel 2015 la Commissione ha istituito il servizio di sostegno alle riforme strutturali (SRSS) per sostenere gli Stati membri nella preparazione, progettazione e attuazione di riforme istituzionali, strutturali e amministrative. SRSS gestisce il programma di supporto per le riforme strutturali, disponibile su richiesta di tutti gli Stati membri dell'UE.

gazoprovod2-562508-810x0-306311-810x0

Il primo ministro bulgaro Boyko Borissov e il ministro turco dell'energia Fatih Dömmezon il 3 agosto hanno aperto il nuovo gasdotto di transito in Turchia. Il tubo è lungo circa 20 km e collega la stazione di compressione di Lozenets con l'impianto di depurazione di Nedyalsko.
Attualmente, i gasdotti dalla Russia alla Macedonia, alla Turchia e alla Grecia attraversano la Bulgaria.
Il nuovo tratto è parallelo al tubo di transito esistente e consentirà di invertire la direzione del movimento del gas naturale dalla Turchia alla Bulgaria, se necessario. La costruzione è iniziata nel 2016.
Grazie al nuovo gasdotto, la capacità del gasdotto di transito aumenta di 1,7 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Inoltre, il movimento del carburante blu può essere bidirezionale, non solo dalla Bulgaria alla Turchia, ma anche viceversa.
Attualmente oltre il 100% del gas consumato in Macedonia passa attraverso la Grecia, il 70% di quello in Grecia e tra il 30% e il 40% di quello necessario in Turchia. La Russia, tuttavia, prevede di reindirizzare il suo traffico di transito dall'attuale gasdotto attraverso Moldavia, Romania e Bulgaria a Blue Stream in Turchia e il flusso turco, che è attualmente in costruzione.
gazoprovod-562514-810x0-306315-810x0
Fonte:bnt.bg

photo_verybig_191446

Si dovrebbe consentire alla Bulgaria di aderire all'eurozona e all'Unione bancaria dell'UE? Questa è la domanda che è stata presa in considerazione dai politici europei quest'estate. In teoria, ovviamente, la Bulgaria non ha solo il diritto di aderire ad entrambi, ma è legalmente obbligata a farlo, alle condizioni della sua adesione al blocco. In pratica, la risposta dei leader dell'UE alla richiesta della Bulgaria di entrare nel meccanismo dei tassi di cambio - il precursore dell'adozione dell'euro - è stata tiepida. Pur concordando in linea di principio a fine giugno, hanno preso a calci il barattolo il più lontano possibile stabilendo un periodo di valutazione di "almeno un anno". Attenzione La loro cautela non è dovuta alla posizione macroeconomica della Bulgaria. Il paese soddisfa facilmente i criteri di Maastricht. Ciò di cui le autorità politiche europee non sono felici sono i bassi livelli di reddito della Bulgaria, il mancato controllo della corruzione e l'integrità - o la sua mancanza - del suo settore bancario. A prima vista, tale circospezione sembra ragionevole. Le istituzioni bulgare rimangono deboli e la governance è scadente. Le preoccupazioni per la stabilità del suo settore bancario non sono prive di fondamento. Sono passati solo quattro anni dal crollo del quarto più grande istituto finanziario del paese, Corpbank, che ha rivelato scioccanti fallimenti di gestione e supervisione. La ricaduta di tale vicenda ha visto due governatori bulgari deputati alla banca centrale incriminati, insieme al principale azionista di Corpbank, oltre una dozzina del suo personale e due revisori locali. Per quanto questo aspetto, tuttavia, è leggermente fuorviante. Il settore bancario bulgaro ha avuto i suoi problemi, ma non c'è motivo di aspettarsi una crisi sistemica. Tutte tranne tre delle 10 maggiori banche del paese fanno parte di gruppi occidentali, tra cui il leader del mercato incontrollato UniCredit Bulbank. La seconda più grande, DSK Bank, è di proprietà dell'UTP ungherese. Tra loro, queste otto entità rappresentano oltre i due terzi di tutti gli asset bancari in Bulgaria. Il più grande prestatore locale sopravvissuto, First Investment Bank (FIBank) è al quarto posto del totale attivo e ha una base di deposito di Lev7,4 miliardi ($ 4,4 miliardi). Inoltre, se qualcosa dovesse andare storto nel settore, le possibilità che altri paesi dell'UE si trovino in difficoltà sono scarse fino a svanire. Salvataggi Per prima cosa, la Bulgaria ha il suo generoso e ben finanziato sistema di garanzia per i depositi. Per un altro, l'UE no. Alla fine di giugno, i leader dell'Eurogruppo ancora una volta non erano d'accordo sulla creazione di un regime comune per il blocco, il cosiddetto terzo pilastro dell'unione bancaria. Ciò lascia il Fondo unico di risoluzione, che non avrebbe alcun obbligo di salvare un creditore bulgaro in fallimento. In ogni caso, la Bulgaria ha già dimostrato di essere in grado di salvare le proprie banche. Ha salvato FIBank nel 2014 e potrebbe facilmente permettersi di farlo di nuovo, dato un rapporto debito / PIL di appena il 25%. Perché, quindi, i leader dell'UE stanno trascinando la loro candidatura alla richiesta della Bulgaria di aderire all'eurozona e all'unione bancaria? Qualcuno potrebbe obiettare che il blocco è stato troppo clemente in passato con i suoi nuovi membri e che è ora, in ritardo, imporre una certa disciplina. Ma perché la Bulgaria dovrebbe essere individuata? Dopo tutto, sono passati meno di quattro anni da quando la Lettonia è stata accolta nella moneta unica, nonostante la propensione ben pubblicizzata di alcune banche per il riciclaggio di denaro russo. Sorge il sospetto che alcuni responsabili delle politiche dell'UE si rammarichino di estendere l'adesione al blocco a paesi come la Bulgaria in primo luogo e ora stanno tentando di rinnegare gli impegni presi durante tale processo. Se è così, dovrebbero dirlo - e non nascondersi dietro storie spaventose sulle banche bulgare.

Fonte:novinite.com

L'opinione dell'autore puo' non coincidere con quella della redazione di BulgariaOggi

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Интервюта и коментари

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

L’IMPATTO MULTIDIMENSIONALE DELLE POLITICHE DELLA AMMINISTRAZIONE TRUMP

News image

Qualche giorno fa il Vice Presidente Americano Pence&...

Dal mondo