oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

1AC20A45-C594-44BC-8383-BEFA00CA63DF

Tre società hanno presentato offerte per la fornitura di due nuove navi di pattuglia polivalenti alla Marina bulgara, ha dichiarato il ministero della Difesa.

 

 Le tre società che hanno rispettato la scadenza del 16 aprile alle 17:00 per presentare le offerte sono p.  Lürssen Werft GmbH & Co.KG della Germania, MTG Delfin AD della Bulgaria e Fincantieri d'Italia.

 

 Il primo ministro Boiko Borissov ha nominato un gruppo di lavoro interministeriale, presieduto dal vice ministro della Difesa Anatoli Velichkov, che si occuperà dell'apertura delle offerte al ministero della Difesa il 22 aprile.

 

 Il gruppo di lavoro comprende esperti e funzionari amministrativi del Ministero della Difesa, oltre a rappresentanti del Ministero delle Finanze, del Ministero dell'Economia, del Ministero degli Affari Esteri e dell'Agenzia di Stato per la Sicurezza Nazionale.

 

 L'apertura delle offerte sarà seguita da un processo di valutazione e da una relazione finale che classificherà le offerte, che sarà soggetta all'approvazione del Ministro della Difesa e poi del Consiglio dei Ministri.

 

 La marina bulgara ha attualmente sei vascelli navali, tre risalenti all'epoca sovietica e le altre navi ex belga di seconda mano.  I tre dell'era dell'URSS hanno difficoltà nel reperire pezzi di ricambio e non sono compatibili con gli standard dell'alleanza Nato che la Bulgaria ha aderito nel 2004.

 

 Il progetto prevede che le due nuove navi sostituiscano le tre dell'era sovietica.

 

 Nel luglio 2018, l'Assemblea nazionale bulgara ha approvato una versione aggiornata del progetto, prevedendo di spendere un massimo di 984 milioni di leva, compresa l'imposta sul valore aggiunto (circa 503 milioni di euro).

 

 L'aggiornamento ha seguito il fallimento del precedente tentativo di portare avanti il ​​processo di acquisizione, quando la società bulgara che ha presentato l'offerta si è ritirata, apparentemente sopra il problema dell'IVA.  Ciò ha portato il Parlamento a modificare la dotazione prevista dalla somma per il 2016.

 

 Il progetto prevede la consegna della prima nave nel dicembre 2023 e la seconda entro la fine di dicembre del 2024.

 

 Il voto del luglio 2018 dell'Assemblea nazionale ha stabilito nuove opzioni, in primo luogo, l'acquisto di navi di nuova fabbricazione adattate alle esigenze della Marina, o la produzione in licenza, o una combinazione di sviluppo di un nuovo prodotto e modifica di uno esistente, ha dichiarato  il ministero della Difesa.  Il progetto prevede che le navi siano fornite di armamenti.                                                  Fonte:Sofiaglobe 

8B1C38CF-431D-4350-968F-CA121F0289C2

Due offerte sono pervenute per costruire un gasdotto di interconnessione del gas tra Bulgaria e Grecia Due candidati hanno presentato offerte per progettare e costruire il gasdotto di collegamento tra Bulgaria e Grecia, progetto che la società ICBG ha avviato il 2 aprile. Un totale di cinque offerenti è stato selezionato e invitato a fare un'offerta, ma solo il consorzio J & P Avax e il consorzio bulgaro-italiano della Grecia, che comprende le società di costruzione GP Group e Bolgarstroy insieme all'italiana Bonatti, hanno presentato le loro offerte prima della scadenza. ICBG stima il costo della costruzione del gasdotto di 183 km a 145 milioni di euro e richiederà lavori di costruzione per essere completato in 18 mesi. La capacità iniziale del gasdotto bidirezionale sarà di tre miliardi di metri cubi di gas. La società del progetto ha dichiarato che avrebbe valutato le due offerte e si aspettava di ottenere un vincitore a maggio, il che avrebbe consentito l'inizio dei lavori a giugno. è destinato a diventare operativo alla fine del 2020, quando la Bulgaria inizierà le consegne di gas azero dallo sviluppo di Shah Deniz 2. Il termine così ristretto è stato il motivo per cui ICBG ha respinto la richiesta di un terzo potenziale offerente, è stato dichiarato tramite i media. Anche il 2 aprile la Commissione europea ha dichiarato di approvare 33,15 milioni di euro per il gasdotto, parte di un pacchetto di quattro miliardi di euro per 25 progetti infrastrutturali in tutta l'UE./IBNA

97FA384C-8B62-4778-AB29-76C4ACE7DC53

L'edizione di quest'anno del rating "30 under 30" della prestigiosa edizione di Forbes ha di nuovo la partecipazione bulgara. Questa volta sono Tatyana Mitkova e Velizar Shulev, i fondatori della piattaforma di reclamo online ClaimCompas. Entrano nell'edizione del 2019 proprio grazie a questo. Lo scopo della piattaforma stessa è quello di consentire ai clienti di diverse compagnie aeree di tutto il mondo di ricevere un risarcimento per un volo ritardato o cancellato.

 

Forbes ha affermato che poco meno del 4% dei passeggeri riceve effettivamente un compenso dalle compagnie aeree, ma l'obiettivo dei due giovani bulgari è quello di cambiare.

 

La società è stata fondata nel 2015, ei suoi risultati fino ad ora dimostrano che oltre 10.000 utenti hanno utilizzato i servizi della piattaforma, con un compenso totale di $ 5,4 milioni. Secondo il modello di business ClaimCompass, l'intermediario guadagna una commissione del 25% solo quando viene pagato un compenso. Hanno entrambi 26 anni e hanno ricevuto la loro istruzione all'estero. Tatyana Mitkova ha studiato legge presso la Libera Università di Berlino. Velizar Shulev, a sua volta, è un laureato in Ingegneria del software presso l'Università di Glasgow.

Снимка на деня

Rila

Rila

От нашите сътрудници

СЪЕДИНЕНИЕТО НА СЕВЕРНА И ЮЖНА БЪЛГАРИЯ

News image

След разпокъсването на българските земи, според Берлинския договор – 1(13) юли 1878 г, общонароден идеал н... Още

Punti di vista

Perché sei povero?

News image

Ti sei chiesto mai perché sei solo? Link video:https://yo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Prezzi del petrolio ed equilibri mondiali

News image

La guerra del prezzo del petrolio si sta surriscaldando. E...

Dal mondo